Cervia, il sindaco firma l'integrazione all'ordinanza sulla Stagione Balneare

Cervia, il sindaco firma l'integrazione all'ordinanza sulla Stagione Balneare

CERVIA - Il sindaco Roberto Zoffoli oggi ha firmato l'integrazione all'ordinanza n. 111 del 15 aprile 2010 "Stagione balneare 2010 - Periodo di apertura degli stabilimenti balneari e prolungamento dell'orario - Disciplina dei trattenimenti".

 

L'integrazione, oltre a specificare la possibilità di organizzare iniziative di animazione varia (risveglio muscolare, acquagym, baby dance...) la mattina dalle 9 alle 12, sostituisce, in via transitoria e solo per il 2010, alla dichiarazione di agibilità ai sensi dell'art. 80 del Tulps (rilasciata dalla Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo) "una relazione redatta da un tecnico abilitato, sottoscritta per accettazione dal titolare dello stabilimento balneare, nella quale si attesti, anche attraverso idonea documentazione tecnica, la rispondenza normativa degli impianti e delle strutture, nonché il rispetto dei criteri generali di prevenzione incendi, delle vigenti disposizioni di sicurezza ed igienico sanitarie, in relazione alla capienza ipotizzata, con la specificazione di tutte le misure utili adottate ai fini del contenimento delle problematiche relative alla viabilità ed accessibilità delle aree limitrofe". Invariato tutto il resto del contenuto dell'ordinanza, sia per quanto riguarda il funzionamento degli impianti sonori, sia per il numero di intrattenimenti, sia per l'impianto sanzionatorio.

 

E' noto il percorso che ha portato alla presente integrazione e che risponde a una precisa richiesta delle associazioni di categoria (Ascom, Confesercenti, Confartigianato e Cna) che, rilevando la difficoltà per le aziende di adeguarsi in tempi brevi alle prescrizioni della Commissione, ne hanno chiesto - anche per snellire le procedure - lo slittamento al prossimo anno. Dopo gli approfondimenti tecnico legali necessari, l'Amministrazione ha ritenuto ammissibile sostituire in via transitoria gli atti della Commissione con una relazione tecnica di un professionista abilitato che a tutti gli effetti sancisca la responsabilità dell'azienda a garantire sia la tutela di chi partecipa agli eventi sia la tutela di chi insiste sulle zone vicine al luogo dell'evento.

 

"L'integrazione all'ordinanza - commenta il sindaco - risponde all'interesse generale delle aziende, in quanto intende andare incontro a tutto il sistema imprenditoriale cervese mantenendo come obiettivo i princípi condivisi dai quali sono scaturite le ordinanze, ovvero il depotenziamento degli eventi, la messa al bando degli eccessi e il no alle discoteche in spiaggia, per poter continuare a garantire il giusto equilibrio all'interno della città e tutelare la località vocata al relax e al divertimento sano. Con questa integrazione, che è stata oggetto di confronto con le associazioni e sulla quale ho coinvolto anche il presidente della Cooperativa bagnini, e con l'impegno che nel 2011 l'ordinanza sarà quella firmata il 15 aprile scorso (Commissione compresa), mi auguro si possa mettere definitivamente la parola fine alle polemiche di questi mesi, così da poter tornare a ragionare sulle questioni importanti che riguardano il futuro della città e che non sono più rinviabili. Analisi ed effetti li valuteremo a fine stagione.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -