Cervia, Musei del mare a confronto il 10 novembre

Cervia, Musei del mare a confronto il 10 novembre

CERVIA - E' in programma mercoledì 10 novembre, 2010, alle ore 17, nella Sala conferenze del nuovo Palazzo comunale antistante Piazza XXV Aprile, di Cervia il secondo appuntamento del programma di 5 incontri culturali denominati "IL SALE DELLA STORIA. Cervia e la Romagna tra passato e presente", promosso dall'Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia in collaborazione con le maggiori associazioni culturali cervesi e con il patrocinio del Comune di Cervia.

 

Con la collaborazione del Circolo Pescatori La Pantofla di Cervia viene proposto un tema di grande interesse. Musei del Mare. Le attività, le iniziative, i laboratori didattici.  Esperienze a confronto. Parteciperanno all'iniziativa. Maria Lucia De Nicolò, docente dell'Università di Bologna, Direttore del Museo della Marineria di Pesaro; Elisa Mazzoli, curatrice delle attività didattiche del Museo della Marineria di Cesenatico ed Annalisa Canali, Direttore del Museo del Sale di Cervia.

La cultura del mare unisce due città della costa romagnola, Cervia e Cesenatico, che si confrontano con un'esperienza d'eccellenza rappresentata dal Museo della Marineria di Pesaro

I tre musei costituiscono un punto di riferimento per gli appassionati della cultura del mare. Le finalità culturali e didattiche assumono  anche rilievo dal punto di vista turistico e promozionale.

 

Il Museo della Marineria di Pesaro, dedicato al suo fondatore Washington Patrignani, è stato riaperto il 30 giugno 2007, grazie ad un'innovativa collaborazione fra enti pubblici e privati e prosegue oggi il tracciato del suo fondatore (1988), con l'intento di far conoscere la cultura del mare (oggetti, strumenti, immagini, documenti) con nuovi apporti legati alla tradizione orale e all'arricchimento della ricerca storico archivistica. Una finalità primaria delle'attività culturali del museo è quella di far divenire Pesaro "sede adriatica" di riferimento all'interno di un sistema di "luoghi" del Mediterraneo che possano condividere iniziative culturali di respiro nazionale e internazionale, facendo da volano per la promozione di un turismo "diverso" di carattere culturale-ambientale'.

 

Il Museo della Marineria di Cesenatico è unico in Italia,: E' sorto nel 1983 come un vero e proprio museo galleggiante,  nel porto canale che attraversa l'antico borgo marinaro. Il Museo si compone di due sezioni: la "Sezione a Terra" e la "Sezione Galleggiante". La prima sezione si prefigura come un padiglione museale, che espone un trabaccolo e un bragozzo, protagonisti delle imbarcazioni da pesca e da lavoro, attrezzate con le multicolori "vele al terzo". Sono inoltre conservate pregevoli testimonianze di cultura materiale, attrezzi da lavoro, documenti, immagini storiche, reperti della vita di bordo ed è allestita una bottega artigianale di carpenteria navale.

 

Altamente spettacolare è la "Sezione Galleggiante" del museo, con ormeggiata una piccola flotta di barche tradizionali dell'alto Adriatico: trabaccoli da pesca e da trasporto, bragozzi, paranze, lance, topi, battane, con le loro vele sgargianti, spesso decorate con gli emblemi delle famiglie dei pescatori/armatori. La notorietà del Museo della Marineria di Cesenatico è alta, sia in campo nazionale che internazionale, con un ricco calendario di eventi ed iniziative didattico-culturali.

 

Il Museo del Sale di Cervia trova la sua base storica  nell'intensa attività promossa nell'arco di due decenni dal Gruppo Culturale Civiltà Salinara, guidato nella prima fase dal decano dei salinari Agostino Finchi. Il Museo è stato istituito formalmente nell'aprile del 2004, con la sede strutturata nel Magazzino del sale Torre, su progetto di Mario Turci, e con una sezione all'aperto costituita dall'antica Salina Camillone, l'unica rimasta delle antiche saline a "raccolta multipla" o "artigianale", che fino al 1959 costituivano lo stabilimento salifero cervese. Oggi la Salina Camillone è anche "Presidio di Slow Food", per la produzione del "sale dolce" di Cervia.

 

Molteplici sono le iniziative, i laboratori e le visite guidate per scuole e gruppi organizzati, promossi dal Museo del Sale e dal Gruppo Culturale  Civiltà Salinara.

 

L'incontro di mercoledì 10 novembre si prospetta quindi di grande interesse per un interscambio di esperienze tra realtà museali e per prospettive di collaborazione sia culturali, che turistiche.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -