Cervia, "Musica da mangiare e da bere"

Cervia, "Musica da mangiare e da bere"

Al ristorante Al Pirata di Cervia, dopo il grandissimo successo riscosso nella prima serata, che ha letteralmente fatto registrare il "tutto esaurito", Francesco Iasi e Mario Buia propongono il secondo appuntamento del ciclo "Musica da mangiare e da bere".

 

Martedì 8 febbraio presentano l'agguerrito terzetto degli "Swingin' Daddies Trio", una band di professionisti che hanno fatto la storia dei Jazz Club come Bruno Signorini, voce ruvida da entertainer, Giovanni D'Angelo batterista che si è esibito in tutto il mondo e si sa calare in ogni stile musicale, e Stefano Nanni, il pianista preferito dal compianto Maestro Pavarotti, che lo ha spesso voluto al suo fianco in vari dischi e in tutti i "Pavarotti and Friends".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non da meno sarà la cantina che Mario, il Sommelier, ha scelto per la serata, decidendo di invitare dalla Slovenia la Batic, da poco entrata a far parte della nuova Carta dei Vini del ristorante. Batic non è una cantina come tante ma è una filosofia del vino che lavora con i concetti del "biodinamico". Nella valle di Vipava si trasferisce da generazione in generazione il segreto del modo della fornitura dell'eccellenza al vino. Attraverso i tentativi, ed anche gli sbagli, di centinaia di generazioni di vinificatori si è giunti a capire la valle di Vipava in misura tale da poter incominciare a vivere con essa in un'armonia totale che offre vini naturali e limpidi il cui sapore non si differenzia solo per il clima e la posizione specifici della valle. Anche la loro conservazione ha le stesse origini. Tuttora, nella proprietà Batic la macerazione delle uve bianche, antica quasi come la presenza delle viti, avviene in botti aperte, senza il controllo della temperatura e solo con il proprio lievito. La fermentazione ed il disacidamento si svolgono in botti di legno sloveno e per il travaso del vino si seguono i mesi lunari e la stagione. E così ogni vino ed ogni annata hanno una propria caratteristica, ma in tutti loro vive l'anima della natura.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -