CERVIA - Parte la lotta alla zanzara tigre

CERVIA - Parte la lotta alla zanzara tigre

CERVIA - Massimo coinvolgimento e responsabilizzazione del tessuto sociale, dalla scuola al mondo dell’imprenditoria, per modificare i comportamenti legati alla pratica quotidiana e responsabili del proliferare della zanzara tigre. Ma anche trattamenti larvicidi e adulticidi a tappeto fra città e forese, oltre che monitoraggio costante sulla presenza di insetti e sull’attività svolta.


Sono questi i punti salienti del Programma territoriale di lotta alla zanzara tigre predisposto dall’assessorato ambiente del Comune, sulla base del Piano Regionale per la lotta alla zanzara tigre e al disciplinare tecnico del Gruppo regionale di sorveglianza e lotta alla zanzara tigre.

Il Piano, già approvato dalla Giunta, verrà presentato questa sera in commissione consiliare in Municipio e prevede anche una capillare azione di educazione, informazione e sensibilizzazione di tutte le realtà cittadine con una serie di assemblee pubbliche, incontri con scuole, operatori, associazioni di categoria, consulte locali.


Il primo appuntamento pubblico è in programma per domani sera, alle 20.30, a Castiglione di Cervia, dove al Circolo Tre Martiri, nella piazza centrale del paese, si svolgerà un’assemblea alla quale è stata invitata la cittadinanza del centro e dei centri vicini. Saranno presenti all’assemblea, convocata dal Consiglio di zona, il Sindaco Roberto Zoffoli, l’assessore alla sanità Fabiola gardelli, l’assessore alle Politiche ambientali Nevio Salimbeni, la dottoressa Raffaella Angelini, direttore del dipartimento di sanità pubblica dell’Asl di Ravenna, l’esperto entomologo dr. Claudio Venturelli, del dipartimento di Sanità Pubblica dell’Asl di Cesena, responsabili di Area Asset.


IL PROGRAMMA TERRITORIALE

Si tratta di un programma che prevede la tipologia degli interventi che il Comune, da aprile, metterà in campo sia dal punto di vista della prevenzione che della lotta alla zanzara tigre.

Queste le principali attività:

Trattamenti larvicidi: saranno effettuati i trattamenti antilarvali dei pozzetti e caditoie stradali dell’intero territorio comunale, compresi cortili di scuole ed edifici comunali in genere. Il periodo di intervento è aprile-ottobre, con un numero di 8 cicli, calendarizzati a seconda delle condizioni meteorologiche.

Per infestazioni particolarmente intense e o in siti sensibili quali scuole, strutture residenziali protette, verranno effettuate operazioni notturne con prodotti adulticidi.


Monitoraggio: si prevedono, da parte della Società Area Asset, incaricata dell’azione di disinfestazione, report giornalieri sullo stato di avanzamento dei lavori. Sono inoltre programmati, in seconda istanza, controlli di efficacia affidati a ditta specializzata nel settore, con campionamento dell’acqua e verifica della presenza e dello stato delle larve.

Attenzione è stata dedicata anche all’utilizzo dell’acqua nei cimiteri dove verranno collocati erogatori di acqua trattata con prodotto larvicida biologico (Bacillus thuringensis) per il trattamento dell’acqua nei vasi portafiori per i fiori recisi.


Dal primo aprile sarà in vigore la nuova ordinanza comunale che recepisce le disposizioni proposte dall’ordinanza regionale, con specifica sugli adempimenti da realizzarsi nelle aree private. Area Asset effettuerà presso le abitazioni verifiche campione. I controlli sul rispetto dell’ordinanza da parte della popolazione potranno essere effettuati in collaborazione con la Polizia Municipale, mentre l’Ausl farà analoghe verifiche sugli operatori economici.


Sul versante della prevenzione ampio spazio viene dedicato all’attività di educazione e informazione volta a correggere comportamenti scorretti da parte dei cittadini. In proposito, come si diceva, tra marzo e aprile, sono in programma incontri con tutte le componenti della realtà cittadina per trasmettere un messaggio corretto al fine di prevenire il proliferare degli insetti nella pratica quotidiana. Accanto a questa modalità, l’obiettivo della sensibilizzazione e del coinvolgimento dei cittadini avverrà anche attraverso una campagna capillare di comunicazione che si avvarrà di supporti informatici e cartacei creati sia dalla Regione che dal Comune.

Così come negli anni precedenti è inoltre prevista la distribuzione gratuita ai cittadini del prodotto larvicida. Ai presidi di distribuzione del prodotto già individuati (CerviaInforma, Uffici iat, magazzino comunale, cimitero comunale, Servizio clienti di Hera, Ecoarea Bassona ed Ecoarea Pisignano) si andrà ad aggiungere anche il consiglio di zona di Castiglione di Cervia.


Un’attività di tipo straordinario, è stata prevista nell’area di Castiglione di Cervia, dove lo scorso anno si sono verificati casi di infezione dal virus chikungunya. A partire dalla prima quindicina di aprile, con ripetizione a tre settimane di distanza, sono previsti due interventi straordinari (aprile-maggio) di disinfestazione “porta a porta” nelle aree di proprietà privata con trattamento larvicida dei focolai ineliminabili e rimozione di tutti i potenziali focolai larvali eliminabili (secchi, botti, teli, sottovasi e recipienti vari atti a raccogliere e conservare acqua) a Castiglione e in un raggio di 300 metri dai casi confermati e localizzati nelle restanti zone del territorio Comunale, con trattamenti stimati di circa 5.200 numeri civici.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -