Cervia, presentata alla Pieve di Savignano la nuova associazione ''Francesca Fontana''

Cervia, presentata alla Pieve di Savignano la nuova associazione ''Francesca Fontana''

CERVIA - Sabato sera, mentre a Cervia si svolgeva una delle più importanti manifestazioni "Cervia città giardino" in una cornice particolare, stupenda come quella della Pieve di Santo Stefano a Pisignano è stata presentata ufficialmente la nuova associazione culturale, sportiva e ricreativa "Francesca Fontana" che porta il nome di una ragazza giovanissima scomparsa a soli 20 anni il 28 maggio del 2009.

 

Per l'occasione, si è esibito in un magnifico concerto il coro di Cesenatico "Terra Promessa", diretto dal maestro Marco Balestri, che ha esaltato, emozionato e allietato le tantissime persone che avevano riempito i banchi della Pieve che si erano ritrovate, nel ricordo di Francesca, per sostenere la nascita di questa nuova associazione.

 

L'associazione rappresentata nel direttivo (ed anche tra i soci fondatori) da Quercioli Licia (mamma di Francesca), Camagni Roberta, Gianni Grandu, Pistocchi Paolo e Martini Viviana, è nata per ricordare Francesca. Proprio per questo motivo, nella circostanza è stata allestita in una sala parrocchiale, una mostra fotografica "ricordando Francesca", mostra di immagini che rappresentano alcuni momenti importanti della sua vita e della vita della nostra associazione.

 

È bello ricordare il suo sorriso, la sua voglia di vivere, il suo essere senza mezze misure, serena e felice di condurre un'esistenza normale, da ragazza universitaria che nonostante il progredire della malattia guardava al futuro con speranza e serenità. In sintonia con tutto questo l'Associazione, nata come primo obiettivo per sostenere e promuovere la Borsa di studio per giovani universitari dedicata alla sua memoria, istituita già nel 2009 dalla Parrocchia di Pisignano, vuole promuovere senza scopo di lucro le seguenti finalità: attività con utilità sociale a favore degli associati e di terzi, iniziative con finalità culturali, sportive e assistenziali; momenti di solidarietà, di aggregazione e tante altre finalità mirate a diffondere la cultura della pace basata sui principi di pari dignità.

 

Una coincidenza: nella stessa mattinata, a Carraie di Ravenna è stato inaugurato a detta dei presenti - uno dei più bei monumenti della nostra provincia nato da un'idea di una giovane ragazza cervese Margherita, che ha disegnato un mondo sorretto da una mano che rappresenta, secondo l'autrice, la mano di Dio che sorregge un mondo di pace.

 

"Pensiamo, che anche il simbolo di questa nostra associazione abbia un significato così forte - che vede Francesca, il nostro Angelo, dall'alto della sua nuvoletta sorridente come era Lei in vita, che ci guida attraverso i colori dell'arcobaleno che sono per eccellenza il simbolo della pace, di un futuro di pace e che attraverso il cuore della solidarietà e dell'amore ci invita a continuare con lei e per lei a sostenere questi valori, a non dimenticare ma seminare tutto questo nel suo ricordo, per il bene della comunità", osserva il Consiglio direttivo dell'associazione.

 

Infine, l'occasione è stata anche quella per ringraziare gli intervenuti, perché è con il loro sostegno e la condivisione degli obiettivi che si potrà realizzare un cammino proficuo e profondo. Nello stesso tempo un'occasione per essere vicini ai familiari di Francesca in questo secondo anniversario dalla sua scomparsa nell'auspicio che momenti aggregativi come questo possano servire, per quanto possibile, a dimostrate tutta la solidarietà, vicinanza e considerazione delle tante persone presenti che con i familiari vuole continuare a ricordare Francesca - proprio per non dimenticare.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -