Cervia: senza esito le ricerche dell'aereo precipitato al largo di Lido di Savio

Cervia: senza esito le ricerche dell'aereo precipitato al largo di Lido di Savio

Cervia: senza esito le ricerche dell'aereo precipitato al largo di Lido di Savio

CERVIA - Senza esito le ricerche del relitto del caccia F16 precipitato in mare al largo di Lido di Savio giovedì pomeriggio. La Capitaneria di Porto, con due imbarcazioni, ha effettuato le ricerche per tutta la giornata, sospendendole al tramonto. Il mezzo, quindi, non è ancora stato localizzato. Di sicuro c'è che l'aereo si è inabissato in mare e che non ci sono pezzi o macchie di combustibile che sono affiorati in superficie. Con le prime luci riprenderanno le ricerche.

 

Le ricerche sono anche penalizzate dalla scarsa strumentazione delle vedette della Capitaneria. Sabato arriverà un mezzo dei sommozzatori della Guardia costiera, con degli scandagli più precisi. Se non basterà ci vorranno delle navi della Marina militare. In ogni caso, al momento si tende ad escludere inquinamenti: sulla superficie dell'acqua non si riscontrano macchie di combustibile e olio. La zona anche sabato sarà interdetta alla navigazione.

 

L'aereo è precipitato a circa tre miglia dalla costa. Il pilota, il maggiore 37enne Luca Crovatti di Pordenone, è riuscito a lanciarsi col paracadute ed è stato salvato da un peschereccio che transitava in quella zona di mare. L'area, interdetta alla navigazione per consentire al meglio le ricerche del velivolo, è pattugliata da due motovedette della Guardia Costiera. Sabato sarà presente anche il nucleo subacqueo della Guardia costiera di San Benedetto del Tronto. Le indagini sono coordinate dal pm ravennate Roberto Ceroni. Sulle cause dell'incidente sono in corso gli accertamenti da parte della Capitaneria di Porto di Ravenna.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -