Cervia: Terenzio Medri eletto presidente di Ascom Confcommercio

Cervia: Terenzio Medri eletto presidente di Ascom Confcommercio

CERVIA - Il Consiglio Direttivo Ascom Confcommercio Cervia ha eletto Terenzio Medri Presidente per il quadriennio 2010-2014. Nella stessa seduta sono stati eletti Vice Presidenti Tonino Batani e Roberto Parisi, quest'ultimo con funzione di vicario.

 

 "C'è un solo vincitore: Ascom Cervia - ha affermato Medri - che si pone più forte e unita di prima al servizio delle imprese e della società cervese. Mi considero un "traghettatore" che  aiuta il passaggio generazionale in corso garantendo il cambiamento nella continuità e superando tutte le divisioni"

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di skorpio
    skorpio

    Complimenti a Terenzio Medri per essere riuscito, con l'aiuto determinante di Parisi e di qualche altro collega, a mantenere l'Associazione nel solco tracciato da tempo e che l'ha portata, checchè se ne dica, ad essere da molti anni la prima organizzazione imprenditoriale cervese. I cambiamenti sono ben accetti, il ricambio è oltre che dovuto auspicabile, ma in un'organizzazione seria che non presenta particolari problemi gestionali e/o economici (anche se a volte possono esserci state esagerazioni o azioni troppo superficiali), non devono essere imposti con la forza attraverso scalate premeditate a tavolino con lo scopo prioritario d'occupare posizioni di potere e/o privilegio. Ciò denota mancanza di buon senso, di non sapere cosa voglia dire essere al timone di un'organizzazione sindacale d'imprese, e quindi d'avere poche idee ma abbastanza confuse . Avere la responsabilità di condurre un'organizzazione nata e voluta circa 60 anni fa dai commercianti e dagli albergatori cervesi con l'aiuto dell'Ascom di Ravenna è, e rimane prima di tutto un bene degli associati, i quali devono (o dovrebbero) continuare a trovare in essa un punto di riferimento certo per risolvere le loro problematiche, della cui soluzione, purtroppo, sempre più spesso, può dipendere la sopravvivenza della loro piccola azienda. Non è come fare una scalata ad una S.p.a quotata in borsa, per la quale è comunque necessario presentare una OPA (Offerta Pubblica d'Acquisto) proprio per garantire trasparenza agli operatori ed agli azionisti; nel caso di un'Associazione come Ascom, è un qualcosa forse ancora più delicato dal punto di vista etico e morale. L'ASCOM non è come una fabbrica che produce telefonini o padelle, l'Ascom deve "produrre" innanzitutto "tutela" alle proprie imprese, attraverso un costante impegno che passa dalla conoscenza e dallo studio dei problemi e dei fenomeni, per poi affrontarli discutendoli al proprio interno, al fine di "produrre" sintesi che siano proposte serie, ragionevoli ed equilibrate da offrire alla città, alle istituzioni ed ai livelli superiori interni.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -