Cesena, 150esimo. Angeli (Pli): "Errore snobbare le cerimonie"

Cesena, 150esimo. Angeli (Pli): "Errore snobbare le cerimonie"

CESENA - Il PLI di Forlì-Cesena esprime il suo profondo rammarico per il boicottaggio, avvenuto anche nella nostra provincia, delle manifestazioni commemorative del 150° anniversario dell'Unità D'Italia da parte dei rappresentanti della Lega Nord. Tutte le opinioni sono legittime, e da liberali difendiamo la possibilità di chiunque di esprimerle, tuttavia ci pare doveroso sottolineare come tale gesto da parte dei rappresentanti leghisti sia stato, a nostro avviso, inutilmente provocatorio nonché un sostanziale gravissimo errore.

 

La storia del Risorgimento è la nostra storia, è la storia del popolo italiano, ma è anche la storia della nostra città che diede i natali ed ospitò molti protagonisti assoluti del Risorgimento come Leonida Montanari, Eugenio Valzania, Eduardo Fabbri e Maurizio Bufalini. Chi disconosce questa storia ripudia quindi se stesso e le proprie radici. Un partito come la Lega, che si richiama alle tradizioni, alle radici culturali e storiche del territorio non può dimenticarsi da dove vengono le istituzioni, le leggi fondamentali ed i valori che fanno di questi territori una nazione. Negare il valore del risorgimento e dell'Unità d'Italia è un colossale abbaglio storico, politico e culturale che stigmatizziamo senza mezzi termini.

Stefano Angeli, segretario Provinciale del Partito Liberale Italiano  (Forlì- Cesena)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -