Cesena 5 Stelle a sostegno del centro diurno Don Minzoni

Cesena 5 Stelle a sostegno del centro diurno Don Minzoni

CESENA - La mattina di giovedì 6 maggio alle ore 9.00 i famigliari e operatori del Centro diurno Don Minzoni di Cesena consegneranno al Sindaco Lucchi e all'assessore Benedetti   le oltre 1.400 firme di sostegno che sono state raccolte in questi giorni contro la chiusura del Centro.

 

In concomitanza con la consegna delle firme si terrà in P.zza del Popolo una manifestazione di sensibilizzazione della cittadinanza sul problema della riorganizzazione del dipartimento di salute mentale che prevede la chiusura del Don Minzoni e della sede in via Branchise per trasferire i centri diurni presso le palazzine dell'ospedale.

 

"Gli attuali centri diurni - si legge in una nota diffusa da Cesena 5 Stelle - situati in abitazioni nel centro della città, garantiscono agli utenti un contatto costante con la vita pubblica della città, una vicinanza ai servizi e favoriscono la socializzazione con il tessuto cittadino. Il centro Don Minzoni inoltre dispone di un ampio giardino e di un orto che gli utenti possono coltivare e rimanere anche a stretto contatto con la natura. Il nuovo centro diurno, così come studiato dall'AUSL, verrà posizionato alle Palazzine dell'Ospedale, struttura situata in un ambiente ospedaliero che ha attorno solo cemento. Gli utenti "parcheggiati" in quel luogo si troveranno lontani dal tessuto cittadino e posti di fatto in mezzo ad un parcheggio".

 

La lista civica Cesena 5 stelle sostiene questa iniziativa di sensibilizzazione dell'opinione pubblica "perché ritiene che l'AUSL con questa riorganizzazione non tenga conto delle reali necessità degli utenti, che proprio per la natura particolare della loro malattia necessitano di accorgimenti puntuali, ma si prefigge solo un obbiettivo di risparmio economico. Sosteniamo in modo deciso la battaglia dei famigliari che si oppongono alla chiusura dei centri diurni in città, e chiediamo all'amministrazione di fare un veloce dietro-front e mantenere gli attuali centri diurni per la salvaguardia della salute degli utenti che li frequentano".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di benni
    benni

    I MALATI NON SONO PACCHI, SONO ESSERI UMANI IN UN CONTESTO DI RELAZIONI MOLTO POSITIVE CON GLI OPERATORI DELLA COOPERATIVA E' QUESTO IL MODELLO DI SANITA' DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA ???

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -