Cesena: accusò ingiustamente tre vigili di averlo picchiato, condannato a due anni

Cesena: accusò ingiustamente tre vigili di averlo picchiato, condannato a due anni

Cesena: accusò ingiustamente tre vigili di averlo picchiato, condannato a due anni

CESENA - E' finito con una condanna a due anni di carcere, pena sospesa, il processo contro Magdi Edris Ahmed, l'egiziano di 36 anni, incriminato di calunnia. A sostenere le tesi dell'accusa era presente in aula il pm Filippo Santangelo, che nelle richieste finali aveva chiesto una condanna più pesante, quattro anni. In sostanza, il giudice Marco Dovesi ha riconosciuto che le denunce fatte dall'egiziano, dove sostenne di essere stato malmenato da tre vigili e due baristi, erano inventate.

 

La pena entro i due anni permette ad Ahmed di essere libero: si trovava agli arresti domiciliari e beneficerà della sospensione. L'egiziano, inoltre, dovrà risarcire di 10mila euro ciascuno i tre vigili urbani calunniati. L'egiziano fu al centro delle cronache quando con la sua famiglia occupò abusivamente una casa dell'Acer a Cesena.

 

L'ultimo colpo di scena si è verificato nell'udienza di ieri, dove Ahmed produce un video con la registrazione di un albanese espulso che sostiene anche lui di essere stato malmenato da uno dei vigili calunniati. Il giudice non ha tenuto conto della registrazione, anche per l'impossibilità di interrogare l'albanese. In compenso, però, ha rinviato gli atti alla Procura: molto probabilmente ne nascerà un altro processo per calunnia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -