Cesena: ad "Autori sotto le stelle" arriva Evaristo Beccalossi

Cesena: ad "Autori sotto le stelle" arriva Evaristo Beccalossi

CESENA - La rassegna "Autori sotto le stelle", organizzata da assessorato alla Cultura e Libreria Mondadori, prosegue con un appuntamento fuori programma, imperdibile per gli appassionati di calcio e per i tifosi interisti in particolare. Martedì 29 luglio, alle ore 18.30, nel chiostro delle Palme del centro culturale San Biagio Evaristo Beccalossi e Luca Pagliari presentano il libro "Mi chiamo Evaristo" (Bevivino, 2008). Introducono l'incontro il giornalista Andrea Alessandrini, l'assessore alla Cultura del Comune di Cesena Daniele Gualdi, Marco Viroli della libreria Mondadori e Oreste Lugaresi, presidente dell'Inter Club di Forlì e coordinatore Inter Clubs della Romagna. L'ingresso è gratuito.

In caso di maltempo l'incontro si svolgerà la Sala Rossa del Centro Cinema S. Biagio, Via Aldini, 24, Cesena.

 

 "Mi chiamo Evaristo" racconta la storia di Evaristo Beccalossi, fantasista dell'Inter degli anni Ottanta e vera icona dei tifosi nerazzurri e non solo. Pochi calciatori rappresentano come lui il concetto di "genio e sregolatezza". Amato e criticato, Evaristo resta l'emblema di un calcio romantico, fatto di cuore e invenzioni. Non un libro per addetti ai lavori o per i soli amanti del calcio, ma la fotografia di un'epoca che sembra infinitamente lontana. Evaristo, figlio di operai che va ad allenarsi con la "Graziella" e il papà che lo va a riprendere con la Fiat 128, piegando la bici e caricandola nel bagagliaio. Evaristo sempre e comunque fuori dagli schemi, l'amore per la Ferrari, l'amicizia con Gilles Villeneuve, gli aneddoti infiniti dello spogliatoio.

E poi gli amici di oggi: da Enrico Ruggeri al comico Paolo Rossi, da Roberto Mancini a Lele Oriali.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Evaristo Beccalossi, centrocampista-regista, mancino, fantasista, è assurto alla fama nazionale tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80, grazie all'acquisto da parte dell'Inter dove si laurerà Campione d'Italia 1979/80, arriverà alla Semifinale di Coppa dei Campioni 1980/81, vincerà il Mundialito Clubs 1981 e la Coppa Italia 1981/82. Proveniente dal vivaio della squadra della sua città, Brescia, militante nella serie cadetta, acquistato dall'Inter al termine della stagione 1977/78. La vittoria del mondiale spagnolo nel 1982 da parte della Nazionale senza la sua presenza e l'ingaggio di Hansi Muller da parte dell'Inter, con il quale la convivenza non fu sempre facile, ne attenuarono fama e rendimento, sino al prestito alla Sampdoria nella stagione 1984/85 dove si classificò al quarto posto al termine del Campionato e vinse la Coppa Italia. Il Monza allora in serie B, lo acquistò dall'Inter nell'ottobre del 1985. Fece in tempo ad assaporare ancora la seria A durante le sue 2 stagioni col Brescia, per terminare la carriera nel calcio che conta nel Barletta in serie B. Nella stagione 1989/90 fu ingaggiato dal Pordenone in serie C2 e successivamente dal Breno (Serie D), dove concluse la sua carriera. Dopo aver lasciato il calcio, ha lavorato come agente di commercio per una nota multinazionale giapponese di televisori ed HiFi. Attualmente è un apprezzato opinionista sportivo all'interno delle trasmissioni "Qui Studio a Voi Stadio" e "Controcampo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -