Cesena, al via il "Marzo delle donne"

Cesena, al via il "Marzo delle donne"

CESENA - Dal cinema al teatro, dall'arte alla salute. E' molto vario e fitto di appuntamenti il calendario del "Marzo delle donne", messo a punto dal Comune di Cesena in vista dell'8 marzo, la Festa della Donna, e che prende il via martedì 23 febbraio con il primo appuntamento di un ciclo di incontri sulla salute delle donne, dedicato ai disturbi alimentari.

 

"Abbiamo voluto proporre - spiegano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore Elena Baredi - una serie di iniziative molto diverse fra loro, che spaziassero in vari ambiti d'interesse, proprio per cercare di riflettere sulle molte sfaccettature dell'universo femminile, sulla sua complessità e la sua ricchezza. E non abbiamo voluto concentrarci sulla sola data dell'8 marzo perché ci sembra un po' riduttivo dedicare una sola giornata a questi temi. Ci piacerebbe, in realtà, che il ‘marzo delle donne' diventasse l''anno delle donne', cioè che ci fosse più attenzione ogni giorno, e da parte di tutti, per il punto di vista femminile". 

 

Fra tutte le iniziative spicca il ciclo di 5 conferenze dal titolo "Salute Donna" dove, con l'aiuto di esperti,  saranno affrontate di volta in volta differenti tematiche legate alla salute femminile.

 

Si comincia martedì 23 febbraio, alle 17.30, nella Sala Avis in via Serraglio n. 14, con l'incontro "Disagio femminile in adolescenza: il disturbo alimentare", che vedrà la partecipazione di Luigi Gualtieri, direttore di Neuropsichiatria Infantile, Raffaella Scagliarini, dirigente medico di Gastroenterologia ed Emanuela Ravaioli, dietista per il Servizio di Dietetica e Nutrizione Aziendale - Associazione AterA. Si tratta di un tema di estrema importanza, se si considera che bulimia e anoressia risultano, purtroppo, in crescente diffusione e rappresentano la prima causa di morte fra le ragazze dai 15 ai 25 anni. Tali patologie, che colpiscono nel 90% dei casi donne (anche se sono in aumento i casi di adolescenti maschi e giovani uomini), spesso restano nascoste e trascurate, minando la salute per tutta la vita. Ecco perché è importante parlarne e offrire gli strumenti adeguati per riconoscerle e sapere come intervenire.

 

Martedì 2 marzo, alle ore 17.30, Daniele Pungetti, direttore di Ostetricia Ginecologia e l'endocrinologa Costanza Santini tratteranno il tema "L'età fertile nella donna: meccanismi ormonali fisiologici e loro alterazioni ", mentre martedì 9 marzo, sempre alle 17.30 si terrà l'incontro dal titolo "Menopausa: fra rischio patologico e opportunità preventiva". Saranno presenti Annamaria Tordi, fisiatra esperta in Medicina Integrata, Anna Grazia Giulianelli, psicologa e socia SIPNEI Sezione Romagna, Carlo Lusenti, direttore Urologia e Gaetano Gerbino, dirigente medico di Urologia.

 

"Nutrizione e alimenti funzionali: riflessi sulla vita della donna" sarà invece il titolo della conferenza che si terrà martedì 16 marzo, alle 17.30, con la partecipazione di Chiara Grenci, esperta in nutrizione e alimenti funzionali, Luca Proli, psicologo socio SIPNEI Sezione Romagna ed Ester Giaquinto, medico nutrizionista per il Servizio di Dietetica e Nutrizione Aziendale - Associazione AterA.

 

L'ultimo appuntamento della serie è fissato per sabato 20 marzo, alle ore 10.30, con un incontro dal tema "I servizi dell'Ausl rivolti alle donne: risorse, bisogni, innovazioni, ambiti di possibile miglioramento". Parteciperanno l'assessore alle Politiche delle Differenze del Comune di Cesena Elena Baredi, l'assessore al Benessere dei Cittadini del Comune di Cesena Simona Benedetti, la senatrice Laura Bianconi e la direttrice generale dell'Azienda Usl di Cesena Maria Basenghi.

 

Tutti gli incontri si terranno presso la Sala Avis, in via Serraglio, 14.

 

Ma il programma per la celebrazione della Festa della Donna si estende anche all'ambito culturale, con eventi a tema dedicati al teatro, al cinema e all'arte.

 

Martedì 26 febbraio, alle ore 17, alla Galleria Ex Pescheria si terrà l'inaugurazione della mostra "Sette note donne", un'esposizione di opere tutte al femminile a cura di Lucietta Lodi. La mostra sarà aperta fino al 5 marzo, tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16,30 alle 19,30.

 

Venerdì 5 marzo, alle ore 17.30 luci spente al cinema San Biagio per la proiezione gratuita, alla presenza della regista Marina Spada, del film "Poesia che mi guardi", dedicato alla figura di Antonia Pozzi, una poetessa originale e appassionata del Novecento Italiano, morta suicida a soli 26 anni nel 1938.

 

Venerdì 12 marzo, alle 21, nella Sala Auser in corso Ubaldo Comandini n. 28, si terrà in collaborazione con la sezione FIDAPA di Cesena lo spettacolo teatrale "Perché Pinter? 1930-2008" di Paola Rughi. Insegnante con la passione del teatro, ha condotto vari laboratori rivolti ai ragazzi e ha dato vita a numerosi spettacoli partecipando a importanti rassegne. "Ho scelto Pinter - spiega la regista - perché da sempre mi colpisce intellettualmente e psicologicamente sia come uomo che come drammaturgo e poeta. Dedico questo lavoro a tutte le donne".

 

Infine, per il ciclo "Parole fra le donne - incontri per dar voce alle donne di Cesena", martedì 23 marzo, alle ore 16, alla Casa delle Donne, in Vicolo Madonna del parto n.10, si terrà l'incontro con Fabiola Crudeli "Donne e teatro fra passione e formazione personale".

 

 

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -