Cesena, all'ospedale Bufalini prende forma la 'Energy House'

Cesena, all'ospedale Bufalini prende forma la 'Energy House'

Cesena, all'ospedale Bufalini prende forma la 'Energy House'

CESENA - Proseguono secondo i tempi stabiliti i lavori per la realizzazione della nuova ‘"Centrale Polo Bufalini o Energy House'' del polo ospedaliero cesenate, che prevede la costruzione di un impianto di teleriscaldamento-teleraffreddamento e produzione di vapore a cogenerazione. La nuova Energy House  è stata realizzata in un'area di proprietà Hera ubicata all'interno del Polo Ospedaliero Bufalini di Cesena. Il costo complessivo dell'intervento è di circa 6 milioni di euro.

 

L'impianto fornirà energia termica (sotto forma di acqua calda, acqua refrigerata e vapore) al Polo Ospedaliero Bufalini cercando di privilegiare la sostenibilità ambientale, anche tramite la costruzione della rete di teleriscaldamento per la Città di Cesena nell'ottica del contenimento dei consumi energetici, del risparmio del combustibile e della riduzione delle emissioni in atmosfera.

 

L'intero intervento sarà terminato entro il 30/09/2011 per garantire la somministrazione di energia alla partenza della stagione termica 2011.

 

L'impianto di cogenerazione sarà composto da due motori a combustione interna alimentati a gas metano (530 mc/h di consumo) della potenza elettrica complessiva di 1,9 MWe, ed una potenza termica totale recuperabile di 2,3 MWt, con la predisposizione per un terzo cogeneratore.

Questo tipo di motori a gas metano rappresenta attualmente la tecnologia più utilizzata nel campo della cogenerazione per via delle maggiori problematiche ambientali e gestionali del gasolio rispetto al metano, ma soprattutto presentano il vantaggio di essere adatti a carichi variabili e sopportano meglio delle turbine arresti e partenze.

 

La fornitura di calore dovrà soddisfare i carichi dell'Ospedale Bufalini, la cui regolazione sarà ubicata all'interno della Energy House, mentre la consegna dei fluidi avverrà nelle sottocentrali dove attualmente sono ubicati gli scambiatori vapore/acqua ad uso riscaldamento e quelli ad uso acqua calda sanitaria, mentre la rimanente potenza sarà a disposizione del centro urbano.

 

La fornitura di vapore avverrà invece per il solo ospedale e sarà consegnato nel collettore esistente in centrale termica e nella nuova piastra servizi all'interno della sottocentrale.

 

Entrambe le reti sia per il riscaldamento che per il vapore, saranno dotate di una tubazione di scorta in by-pass per uso manutentivo straordinario, dello stesso tipo di quelle previste per il normale trasporto dell'acqua calda o vapore.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -