CESENA - Aperti i termini per presentare le domande di contributo per l'affitto nell'anno 2007

CESENA - Aperti i termini per presentare le domande di contributo per l'affitto nell'anno 2007

CESENA - Fino all’8 giugno potranno essere presentate le domande per i contributi stanziati dal Fondo sociale per l’affitto 2007, che mira a dare un sostegno a quelle famiglie che si trovano in difficoltà a pagare canoni di locazione troppo elevati rispetto alle loro condizioni economiche.


Una situazione che si sta accentuando, stando ai dati relativi agli ultimi anni: nel 2005 sono state 822 le domande inoltrate, mentre nel 2006 il loro numero è passato a 925. Lo scorso anno sono state ammesse a contributo 763 domande, con un’erogazione massima di 926 euro (l’entità della somma assegnata varia a seconda delle condizioni economiche del nucleo richiedente), per un totale di 584.273 euro, di cui oltre 125mila stanziati direttamente dal Comune, mentre la parte restante è arrivata da Stato e Regione. “Secondo le direttive, il tetto di contributo a carico del Comune è fissato nel 15 per cento della somma totale – sottolinea il sindaco Giordano Conti –. Ma alla luce delle crescenti richieste e, contestualmente, del progressivo assottigliarsi delle risorse a livello regionale e nazionale, lo scorso anno il Comune di Cesena ha mantenuto uno stanziamento più alto rispetto a quella percentuale, in modo da dare risposta più significativa alle famiglie ammesse a contributo”.


In vista dell’apertura dei termini, nelle settimane scorse la Giunta ha provveduto a stabilire i criteri e le modalità di assegnazione del contributo, che ricalcano a grandi linee quelli fissati negli anni passati. Fra le novità, il fatto che, in caso di morosità da parte di affittuari beneficiari del sostegno economico, gli stessi proprietari potranno, mediante un’auto-dichiarazione, richiedere all’Ufficio Casa del Comune di Cesena di ricevere direttamente il contributo. “Da un punto di vista pratico – spiega il vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali Fausto Aguzzoni – i contributi verranno corrisposti dal Comune in un'unica soluzione (indicativamente fra dicembre 2007 e febbraio 2008) e verranno determinati sulla base dei finanziamenti effettivamente erogati dallo Stato, di cui al momento attuale non conosciamo l’entità. In ogni caso, dal canto nostro c’è la volontà di mantenere un forte impegno su questo fronte”.


Le domande dovranno essere compilate unicamente sui moduli predisposti dal Comune di Cesena, in distribuzione presso l’Ufficio Casa e l’Ufficio Relazioni col Pubblico – P.zza Del Popolo 12.

Il modulo è anche scaricabile dal sito internet: www.comune.cesena.fc.it

Chi avesse necessità di assistenza nella compilazione della domanda potrà rivolgersi all’Ufficio Casa del Comune di Cesena, avendo prima fissato un appuntamento chiamando i numeri 0547 - 356272/ 356345). L’ufficio Casa è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 13,00.

Fra i documenti necessari per la presentazione della domanda ci sono la Dichiarazione e la certificazione ISE, il contratto di locazione regolarmente registrato, la copia di un documento di riconoscimento valido e della carta di soggiorno o permesso di soggiorno almeno annuale per i cittadini stranieri.


Per la compilazione della Dichiarazione ISE l’interessato può rivolgersi a:

· Centri di Assistenza Fiscale (C.A.A.F.) presso i Sindacati, Patronati, e Associazioni di Categoria;

· Ufficio ISE del Comune di Cesena, nelle mattinate di martedì – mercoledì – giovedì – venerdì, dalle ore 8,30 alle ore 13,00, e nel pomeriggio di giovedì dalle 14,30 alle 17,00, prenotando un appuntamento al tel. 0547/356454 .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si informa infine che le dichiarazioni ISE saranno sottoposte ai controlli previsti dal D.P.R. 445/2000. Tale norma stabilisce che le dichiarazioni mendaci sono punite ai sensi del Codice Penale e delle leggi speciali vigenti in materia e che, nel caso in cui dal controllo emerga la non veridicità di quanto dichiarato, si debba procedere con la revoca del beneficio concesso.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -