Cesena, appuntamento col 'mangiar bene' in 15 ristoranti

Cesena, appuntamento col 'mangiar bene' in 15 ristoranti

Cesena, appuntamento col 'mangiar bene' in 15 ristoranti

CESENA - L'ultima novità in materia di comportamento è quella emersa da ricerche recentissime che indicano come il ritorno all'ora legale porterà ansia e stress, agli adulti e addirittura degli incubi ai ragazzini. A Cesena il fenomeno non si verificherà, perché c'è un potentissimo antidoto: Cesena  a Tavola, che chiude la "parte in piazza" lunedì sera (1 novembre) e dà appuntamento per il mangiar bene in 15 ristoranti.

 

La kermesse rivolta ai buongustai e ai curiosi dei sapori e dei gusti piacevoli per quattro giorni ha animato con gusti e odori, prelibatezze e eccellenze gastronomiche, vini e formaggi, salumi e dolci, frutta e piatti di varie regioni la parte di città compresa fra piazza Almerici e piazza della Libertà.

 

Anzi, piazza della Libertà è diventata un vero e proprio punto di riferimento dove si sono incrociate delizie provenienti da Sicilia e Umbria, Val Camonica e Alto Adige, Romagna e Toscana. E non solo, perché entrando in piazza c'è l'imbarazzo della scelta per le proposte culinarie: dal pesce fritto al cartoccio all'abbondante grigliata di carni toscane, dal Porceddu arrosto sardo al crescione "della nonna", dalla Farinata di ceci ligure allo Stinco al girarrosto originale alla tedesca.

 

Un autentico "Giro d'Italia" della cucina che ha declinato in parecchi dialetti la frase "mangiar bene", una delle basi di quel vivere bene di cui Cesena è uno dei principali esempi fra le città italiane. E forse questa "saga" del mangiar bene non poteva che tenersi qui, nella città romagnola, dove si pouò compiere un altro Giro d'Italia grazie alla "Mostra Mercato dei prodotti alimentari tipici".

 

Un altro aspetto, con vari elementi "stranieri", di notevole interesse per chi ama le sfizioserie viene dagli "Assaggi da Passeggio", distribuiti lungo le strade.

Che dire dei nostrani Tortelli alla lastra di Santa Sofia in piazza Giovanni Paolo II, o dei Bomboloni piemontesi in piazza della Libertà, cui fa da contrappunto una "distesa" di cioccolatini di tutti i tipi? Le proposte di Assaggi proseguono con Empanadas Argentine, Caldarroste dell'Appennino, Spiedini di frutta candita, Crêpes parigine, Gauffres del Belgio, Churritos Mexicani e per finire, nonostante la stagione, Gelati all'Italiana.

 

Nelle vie e piazze del centro storico si sono gustate prodotti ed eccellenze enogastronomiche e si sono assaporati piatti di vari territori o regioni.

Fino al 14 novembre c'è una eccezionale opportunità: gustare le specialità della cucina del territorio cesenate, preparate e interpretate dai ristoratori locali.

 

15 ristoranti aderenti all'Associazione Ristoratori di Cesena hanno predisposto i Menù della città Malatestiana, ovvero proposte di degustazione di piatti autunnali a prezzo dichiarato (comprese le bevande, da 28 a 35 Euro).

 

Al Piano (Sarsina), Antica Locanda (Cesenatico), Carpe Diem (Savignano sul Rubicone), Casali (Cesena centro), Cerina (San Vittore di Cesena), Cohiba (Cesena centro), Fuoriporta (Cesena), Guttaperga (Cesena centro), Il Setaccio (Longiano), La Fonderia-Osteria da Gas (Casale di Cesena), La Grotta (Cesena centro), La Locanda delle Stelle (San Carlo di Cesena), La Stalla (Cesena centro), Osteria Michiletta (Cesena centro), Ponte Giorgi (Mercato Saraceno).

Qualche esempio di piatti proposti dai ristoranti in questi Menù? Si può spaziare fra Savor della casa con ricotta di fattoria, Tagliolini alle mazzancolle e funghi galletti, Pappardella al ragù bianco di agnello e carciofi, Risotto al capriolo, Cinghiale con polenta, Faraona al forno a legna ai finferli, Coniglio in porchetta, Filetto rosa al Lardo di Colonnata, Agnellone della nonna con cipolline, Torta di ricotta ai frutti di bosco, Zuppa inglese, Castagne di Musella cotte all'Albana.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -