Cesena, assegnati 16 nuovi alloggi Erp a Case Missiroli. Il sindaco: ''Momento importante''

Cesena, assegnati 16 nuovi alloggi Erp a Case Missiroli. Il sindaco: ''Momento importante''

Cesena, assegnati 16 nuovi alloggi Erp a Case Missiroli. Il sindaco: ''Momento importante''

CESENA - L'edilizia residenziale pubblica del Comune di Cesena si arricchisce con 16 nuovi appartamenti realizzati nel comparto Peep di Case Missiroli. Nei giorni scorsi, alla presenza del Sindaco Paolo Lucchi, dell'Assessore alle Politiche per il Benessere dei cittadini Simona Benedetti e del vicepresidente di Acer Maurizio Mancini, si è svolta la consegna ufficiale delle chiavi ai primi 11 assegnatari. "E' un momento importante", ha affermato il sindaco Paolo Lucchi.

 

"Questa consegna testimonia l'impegno del Comune di Cesena sul fronte delle politiche della casa - ha esordito il primo cittadino -. Da tempo sappiamo che anche nella nostra città ci sono molte famiglie in difficoltà a trovare una sistemazione abitativa alla portata delle loro limitate capacità economiche. E nel corso degli anni il problema si è acuito. Basta dare un'occhiata al numero delle domande in graduatoria: nel 2006 erano 377, nel 2010 sono 636, di cui oltre i due terzi presentate da cittadini italiani".

 

"Ma il problema è molto più articolato e per affrontarlo  adeguatamente il Comune ha avviato varie misure, sia di carattere strutturale, con la costruzione o l'acquisizione di nuovi alloggi, sia con interventi legati all'emergenza, come ad esempio il fondo straordinario sfratti istituito nel 2010 per supportare le famiglie in difficoltà e aiutarle a entrare in una nuova abitazione", ha aggiunto Lucchi.

 

"Questi appartamenti - ha specificato l'Assessore Simona Benedetti - sono alloggi erp (quelle che un tempo si chiamavano case popolari) e sono stati assegnati, naturalmente, in base alla graduatoria vigente. Dei nuovi inquilini, dieci nuclei sono italiani e uno straniero e rispecchiano tutte le sfaccettature dei nuclei famigliari, con la presenza di bambini, anziani, adolescenti. Ci auguriamo che questa varietà favorisca un'interazione positiva e relazioni sociali serene".

 

"In questo caso la costruzione delle abitazioni è stata eseguita da Acer su incarico del Comune ed è stata resa possibile grazie a un significativo contributo regionale - ha continuato Benedetti -. Ma non è questa l'unica strada attraverso la quale rimpinguiamo il numero degli alloggi popolari. Ricordiamo infatti che a Martorano abbiamo già acquistato 5 alloggi, anch'essi prossimi alla consegna, mentre ci stiamo preparando ad acquistarne altri".

 

"Dall'inizio della legislatura ad oggi sono complessivamente 74  gli alloggi che abbiamo consegnato, ma questi sono i primi di nuova costruzione e questo ci riempie di una particolare soddisfazione: grazie ad essi la dotazione di alloggi Erp del Comune di Cesena passa da 868 a 884. Nel 2011 prevediamo di consegnare un'altra quarantina di appartamenti, di cui 12 nuovi, ormai pronti, a San Vittore", ha concluso l'assessore.

 

"I 16 appartamenti di Case Missiroli - ha spiegato il vicepresidente Acer Maurizio Mancini - sono collocati al primo e al secondo piano di una palazzina a tre piani, mentre il piano terra è occupato dalle autorimesse e dai ripostigli destinati a ciascun alloggio. Le abitazioni hanno misure diverse per rispondere alle esigenze di famiglie più o meno numerose: quattro sono di 45 metri quadrati con due posti letto, sei hanno una superficie di circa 60 mq con tre posti letto, mentre i restanti 6 si estendono per circa 73 mq con 4 posti letto".

 

"Due degli alloggi di medie dimensioni sono già attrezzati per accogliere persone diversamente abili, grazie alla presenza di un elevatore elettrico e all'eliminazione delle barriere architettoniche, ma anche tutti gli altri sono stati predisposti per poter essere facilmente adeguati, con pochi interventi, alle necessità dei diversamente abili", ha concluso il vicepresidente Acer.

 

L'intervento, che è stato realizzato con caratteristiche tecniche ed architettoniche moderne ed innovative con grande risparmio energetico con l'utilizzo di energie rinnovabili (solare termico), è costato complessivamente 2 milioni e 52mila euro, con un risparmio di 200mila euro, di cui quasi un milione proveniente dal programma regionale denominato "20.000 abitazioni in affitto.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Paolo S.
    Paolo S.

    Finalmente una buona notizia!!! il binomio COMUNE-ACER funziona ancora, alla faccia dei Di Placido, dei Pini e di tutti coloro che vedono nell'edilizia residenziale sociale un business o una "SAPRO". Solo distruggere sanno fare ma nessuna proposta nuova. Stasera c'è un incontro sulla nuova legge regionale, pensate che vengano queste persone???

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -