Cesena: Bianconi (Pdl) a difesa del farmacista obiettore

Cesena: Bianconi (Pdl) a difesa del farmacista obiettore

CESENA - "La normativa e la giurisprudenza confermano che il diritto alla vita dell'essere umano trova nel nostro ordinamento una precisa ed organica tutela fin dal concepimento". Questa la forte motivazione che ha spinto i senatori Laura Bianconi e Stefano De Lillo del Pdl a presentare un'interrogazione al ministro della Salute, Maurizio Sacconi, in cui gli chiedono quali azioni intenda intraprendere affinché sia garantito il diritto all'obiezione di coscienza. "Tale richiesta al Ministro - sottolineano i due senatori componenti della Commissione Igiene e Sanità - è necessaria alla luce delle continue aggressioni verbali che subiscono i medici ed i farmacisti obiettori di coscienza, come è avvenuto anche recentemente al farmacista che si è rifiutato di vendere la cosiddetta "pillola del giorno dopo". Il comitato Nazionale di Bioetica nella nota del 2004 sulla contraccezione di emergenza - ricordano i senatori - si è pronunciato a favore dell'obiezione di coscienza del medico e, dunque, dell'esercente la professione sanitaria, tra questi vi è sicuramente la figura del farmacista, pertanto è senza dubbio da accogliersi la possibilità per l'esercente la professione sanitaria di appellarsi alla clausola di coscienza (Codice Deontologico dei farmacisti, art.1 lett.B) e, quindi, rifiutare la prescrizione o la somministrazione del principio potenzialmente letale per il concepito."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -