Cesena, bilancio comunale. Cna: "Mantenere gli appalti nel territorio"

Cesena, bilancio comunale. Cna: "Mantenere gli appalti nel territorio"

CESENA - L'Amministrazione comunale di Cesena, unica nella provincia, è impegnata ad approvare il bilancio preventivo 2010 entro Natale. La discussione è entrata nel vivo ed anche CNA, con un documento approvato dalla Presidenza di Sede, ha avanzato alcune proposte alla Giunta.

 

"In questi giorni - dichiara Sanzio Bissoni, Presidente CNA di Cesena - abbiamo inviato alla Giunta comunale un documento contenente le osservazioni alla proposta di bilancio preventivo, proposte che tengono conto del periodo di difficoltà che ancora attraversa il sistema delle nostre imprese. Sappiamo che gli amministratori sono costretti a muoversi in un quadro normativo incerto: la Finanziaria è ancora in discussione, mancano precise indicazioni circa l'ammontare del rimborso ICI prima casa e deve essere ancora quantificata l'entità dei tagli ai trasferimenti statali".

 

"Questa situazione - continua Bissoni - conferma che è sempre più urgente una vera riforma, in senso federale, della finanza pubblica locale, che risponda ad alcuni obiettivi, come: lo snellimento dei livelli di governo, la semplificazione amministrativa e la definizione più chiara dell'autonomia impositiva. L'esatto contrario di ciò che è avvenuto negli ultimi anni, durante i quali si è ridotta la capacità impositiva del Comune a meno di un terzo del totale delle entrate".

 

"La difficile situazione che attraversa l'economia - conclude Bissoni - chiama anche i governi locali ad un nuovo protagonismo, molti economisti sostengono che è necessario rimettere al centro delle politiche economiche il territorio e ipotizzano la riorganizzazione del sistema economico facendo leva su una strategia fortemente regionalista, se non addirittura localista".

 

"Guardando le diverse poste del bilancio - precisa Roberto Sanulli, Responsabile CNA Cesena - è positivo che la Giunta non abbia previsto incrementi della tassazione locale, consideriamo inoltre serio e responsabile continuare l'azione di recupero dell'evasione e dell'elusione. Una maggiore attenzione ai temi della tassazione locale può rispondere alle aspettative di tanti imprenditori che in una nostra recente indagine avevano evidenziato proprio questo come argomento centrale delle politiche locali".

 

"Sul versante delle uscite - prosegue Sanulli - pur nel quadro di minori risorse disponibili, è indispensabile che l'Amministrazione continui, anche per il 2010, a prevedere quegli interventi che sono stati oggetto, negli scorsi mesi, di appositi protocolli d'intesa fra la Giunta e le rappresentanze economiche e sociali. Penso alle misure anticrisi per sostenere il sistema imprenditoriale inerenti l'accesso al credito (potenziamento del fondo a disposizione dei confidi che va assolutamente mantenuto e possibilmente rimpinguato) e lo snellimento delle procedure burocratiche. Così come riteniamo necessario confermare i fondi a sostegno delle famiglie in difficoltà. Inoltre, l'Amministrazione dovrebbe compiere uno sforzo straordinario istituendo un fondo per favorire la neo imprenditoria giovanile. Rinnoviamo, invece, le nostre riserve circa la destinazione di importanti poste di bilancio per servizi, quali ad esempio il trasporto pubblico, che dovrebbero invece essere sottoposti ad ampia riorganizzazione, favorendo un maggior coinvolgimento dei privati".

 

"Sul versante degli investimenti - conclude Sanulli - la previsione di oltre 28 milioni è molto significativa perché è proprio dagli investimenti locali che può arrivare una spinta decisiva al rilancio dell'economia, a condizione, però, che contestualmente si mettano in campo azioni in grado di riservare una quota significativa degli investimenti alle imprese del territorio".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -