CESENA - Calcio, doping amministrativo: scatta il ''processo Preziosi''

CESENA - Calcio, doping amministrativo: scatta il ''processo Preziosi''

CESENA – Al via il processo di primo grado, presso il tribunale di Genova, nell'ambito del doping amministrativo calcistico in seguito ai controlli svolti dalla Guardia di Finanza nel febbraio del 2004 presso gli uffici del Genoa e di altre società tra cui anche il Cesena. Il presidente Giorgio Lugaresi e il segretario generale Gabriele Valentini dovranno rispondere di ''false comunicazioni sociali'' per alcune transazioni dal Genoa verso altre società tra il 98 e il 2000.

Le accuse saranno discusse dal giudice Massimo Devoto. Nell'occhio del ciclone i prestiti del bianconero Marcello Cacace (acquistato per 500 milioni delle vecchie lire, ma valutato circa 2.500 euro nel gioco dei prestiti con la società rossoblù) e del genoano Federico Ferrando. Tra gli imputati anche il presidente dei liguri Enrico Preziosi e l'ex direttore generale Franco Soldati e Pierpaolo Marino (ex direttore generale Udinese).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra circa due settimane, invece, scatterà a Forlì il ''filone Moggi'' in seguito ad altri controlli della Guardia di Finanza in 71 società di serie A,B e C1. L'obiettivo dell'operazione consisteva nell'individuare illeciti fiscali tra le società e la Gea, l'organizzazione fondata dal figlio di Luciano Moggi. In questo caso il Cesena dovrà rispondere delle transizioni dalla Juve del giocatore Dario Baccin e del prestito di Francesco Scardina.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -