Cesena, caso Golinucci. Al via gli interrogatori

Cesena, caso Golinucci. Al via gli interrogatori

Cesena, caso Golinucci. Al via gli interrogatori

CESENA - Le indagini sulla scomparsa di Cristina Golinucci, la cesenate scomparsa il primo settembre del 1992, ripartono da zero. Mercoledì sono scattati i primi interrogatori. Gli inquirenti hanno ascoltato due persone vicinissime alla donna. Massimo riserbo sulle oltre cinque ore di domande, ma a quanto pare sono emersi dettagli inediti. Si tratta di dettagli, ma anche di nomi nuovi. Si tratterebbe di persone vicine a Cristina Golinucci. Giovedì altri interrogatori.

 

L'inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Alessandro Mancini e seguita dal vice questore aggiunto, Silvia Gentilini. All'epoca dei fatti gli investigatori si erano concentrati sulla figura del sudafricano Emanuel Boke, arrivato in Italia nel febbraio '92 come perseguitato politico, ed ospite del convento anche quando scomparve la ragazza.

 

L'uomo venne arrestato per aver stuprato una ragazza, tentandone un altro sempre a Cesena. Venne condannato a sette anni di reclusione, ma venne scarcerato dopo averne scontati quattro per buona condotta. Da allora si persero le sue tracce. Giovedì saranno ascoltate altre due persone, sempre vicine alla famiglia di Cristina.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -