Cesena, Celletti (Lega): "C'è un deficit di democrazia in città"

Cesena, Celletti (Lega): "C'è un deficit di democrazia in città"

CESENA - La nuova Giunta Lucchi non ha portato, nonostante le aperture millantate all'inizio legislatura, un nuovo corso di dialogo con l'opposizione. C'è un deficit di democrazia in questa città che sta penalizzando, di fatto, le istanze di una grande fetta di elettorato che non vota a sinistra. Ma le difficoltà nella maggioranza non mancano. Il calo di consenso è evidente tanto da costringere i suoi rappresentanti in Consiglio comunale a fare quadrato e a sorvolare anche sulle più elementari regole di bon ton istituzionale. La questione Quartieri è una delle prove lampanti di questa situazione.

 

La sinistra sa benissimo che il nuovo regolamento, approvato in fretta e furia alla fine della scorsa legislatura e senza i voti dell'opposizione, è un pateracchio indegno. Ma va ugualmente avanti senza cercare un vero confronto. Anche la decisione di abbinare il voto regionale alla consultazione popolare per eleggere i consigli di Quartiere è stata assunta a dispetto di gran parte dell'opposizione e grazie ad interpretazioni, in particolare dell'art. 8 del Testo unico degli Enti locali, che lasciano molti margini di dubbio. Sul perché la sinistra si dia tanto da fare per abbinare le due votazioni sembra non esserci mistero. Il pericolo è che l'elettorato, se chiamato al solo voto per i Quartieri, in una data diversa da altre consultazioni più cogenti, partecipi in numero minimale.

 

Una sconfitta devastante per una maggioranza di centro-sinistra che ha usato i Quartieri come organismi di controllo capillare della città e dei suoi abitanti e come cassa di risonanza delle proprie attività, senza tuttavia dare vero ascolto alle istanze che venivano dal basso. La Lega Nord ha chiesto ripetutamente (ed inutilmente) un nuovo confronto sul regolamento ed ha anche avanzato serie perplessità sulla contestualità delle due consultazioni, basandosi sulla normativa vigente. Ma la Giunta Lucchi non ha ascoltato ragioni. Per questo motivo metteremo in campo ogni azione politica per smascherare questo ennesimo colpo di mano della maggioranza, di cui non avalleremo in Consiglio comunale alcuna proposta assunta unilateralmente su questo tema, dato che l'obiettivo non sarebbe certo il bene della città e dei suoi abitanti, ma la conservazione della sfera di potere.

 

Antonella Celletti, capogruppo in Consiglio Comunale della Lega Nord

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -