Cesena, Celletti (Lega Nord): "Idv senza argomenti, parla su spinta del Pd"

Cesena, Celletti (Lega Nord): "Idv senza argomenti, parla su spinta del Pd"

CESENA - La risposta alla nostra critica sul conservatorismo della Giunta comunale in materia di welfare è arrivata dall'Italia dei Valori. Il PD pigia un bottone e i rappresentanti di Di Pietro parlano. Senza frecce al loro arco.

 

Nel comunicato firmato dalla Capogruppo dell'IDV non si dice nulla che controbatta i fortissimi dubbi della Lega Nord sulle ‘borse lavoro', espressione di mero assistenzialismo acchiappaconsensi.

Secondo l'esponente dell'IDV, i pochi euro elargiti per alcune ore in cambio di improbabili lavori socialmente utili, per un arco di soli tre mesi, servono a dare respiro alle famiglie, anzi addirittura, dice Pagni, rappresentano un "riconoscimento" ai lavoratori "che non possono e non devono essere abbandonati" "come pretende un certo capitalismo irresponsabile ed autoritario".

 

Via, Capogruppo dell'IDV, ci faccia il piacere, non dica cose per cui anche i suoi stessi alleati di maggioranza potrebbero disconoscerla.

Non siamo più ai tempi dei padroni delle ferriere, e spesso gli imprenditori da cui dipendevano i lavoratori purtroppo licenziati, erano, una manciata di anni fa, essi stessi operai che si sono messi in proprio.

Le sue elucubrazioni, insomma, sembrano molto datate e non certo adeguate al modello di media, piccola e micro imprenditoria della nostra terra.

Non sono queste le valutazioni che possono giustificare le borse lavoro.

 

D'altra parte, essendo le stesse borse lavoro un'iniziativa tutta locale, totalmente inutile e buona solo per gettare fumo negli occhi, posso capire che Pagni non sappia a che santo appellarsi, se non alle solite contumelie contro il Governo, in questo caso del tutto innocente.

Lo ripetiamo: non sono i palliativi di basso profilo, come le borse lavoro, che possono concorrere a rilanciare lavoro ed economia. Ma progetti di più vasto respiro, che sappiano leggere i bisogni del territorio.

 

Ma per attivarli servono flessibilità, apertura, capacità, e lungimiranza, che forse la Giunta Lucchi, ingessata e conservatrice come è, non riesce a mettere in atto.

E', al contrario, ineludibile la necessità di incominciare ad affrontare il problema di un modello di welfare che oggi non è più sostenibile. Pena l'implosione del sistema.

Dubitiamo, tuttavia, ancora più di ieri, dopo le dichiarazioni di Pagni, che questa maggioranza e l'esecutivo che esprime ne siano capaci.

 

Antonella Celletti

Capogruppo Lega Nord - Cesena 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -