Cesena, centro storico. Giorgini (La Sinistra): "Dopo l'ultimo chilometro, passare ai fatti"

Cesena, centro storico. Giorgini (La Sinistra): "Dopo l'ultimo chilometro, passare ai fatti"

Questo sindaco, questa giunta, questa maggioranza sono stati eletti sulla base di un mandato elettorale, che prevedeva precisi impegni da realizzare e portare a compimento nel corso della legislatura: fra questi la riqualificazione, la valorizzazione e un nuovo modo di concepire il centro storico.

 

La premessa  è quella di ribadire  che noi, maggioranza di centro-sinistra, non siamo contro la " chiusura del centro storico ", siamo semplicemente per una diversa visione e funzionalità e accessibilità del centro, per renderlo più vivibile agli stessi commercianti, una parte dei quali sono i principali fautori di una protesta  sempre meno convincente, perché basata su aspetti non corrispondenti alla realtà dei fatti, a partire dalla valutazione che in centro viene meno gente perché non ci sono parcheggi sufficienti o perché costano troppo. Un centro storico vivibile per tutti: esercenti, ma anche residenti, di chi ci lavora, dei turisti, dei nostri concittadini che vivono in periferia, coniugando le diverse e legittime esigenze di tutti i diversi attori  e non guardando unicamente il proprio particolare interesse senza guardare anche il "bene comune".

 

Dalla discussione e dai dibattiti emersi  nella tre giorni dell' ultimo km.,  emerge  invece che, a fianco delle comunque legittime richieste dei commercianti,  ci sono le altrettanto e sicuramente più numerose richieste di chi vuole semplicemente meno macchine, meno rumore, meno inquinamento in centro,  che giudica positivamente  l' utilizzo degli scambiatori, che vuole un ulteriore valorizzazione  del patrimonio culturale, artistico ed enogastronomico, piazze tematiche, più spazio per verde e biciclette, giochi per bambini, un maggior decoro e cura dell' arredo urbano.

 

Nel prossimo triennio, il centro della città cambierà radicalmente: il nuovo Foro Annonario, la riconversione di Piazza della Libertà con la chiusura del relativo parcheggio, il completamento dei lavori della Grande Malatestiana, la conseguente riconversione anche delle piazze Fabbri - Americi - Bufalini,  rappresentano delle opportunità da valorizzare e non da demonizzare con richieste di referendum o  serrate dei negozi.

Non è vero che il sindaco ha rovesciato il suo slogan della campagna elettorale di due anni fa ("ascolto, dialogo, decisione") e quindi di chi afferma che ha già deciso tutto e al massimo fa finta di ascoltare o dialogare: dai tre giorni di dibattito, sono emerse tante e significative proposte che saranno tenute nella massima considerazione in vista delle ultime decisioni da prendere.

 

Chi ha definito una "farsa" la tre giorni, chi ha utilizzato la parola "sprechi" per il fatto di aver speso 11.000 euro del bilancio del comune per questa iniziativa affidata e gestita da professionisti del settore, chi si è dimenticato che la campagna elettorale è finita da due anni ( o forse sta già  pensando a quella prossima del 2014 ? ), chi ha boicottato o irriso l' iniziativa, si tranquillizzi: anche questa volta, come centro-sinistra, abbiamo le carte in regola per affermare che vogliamo costruire una città più coesa a dimensione di tutti e non di una parte.

 

Adesso i fatti: la democrazia ha i suoi costi e i suoi tempi, e questo è un valore imprescindibile ed indisponibile; in questi primi due anni si è elaborato e discusso, nella seconda parte sarà realizzato quanto deciso.

 

Giorgini Bruno

Consigliere Comunale  "La Sinistra per Cesena"

 

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    Lei Sig. MKO quale proposta ha fatto durante i lavori?

  • Avatar anonimo di MirkoM
    MirkoM

    ... alla tre giorni discussione ULTIMO CHILOMETRO, partecipazione alquanto minore della volta prima, e in massima parte composta da truppe partigiane mobilitate a supporto più di clac by Sindaco che aspiranti propositori di idee e suggerimenti, tanto che la metà dei convenuti alla presentazzione iniziale se ne sono andati anzitempo un po stufati e un po al boufè sottostante il palco oratori: non mi risulta che sia andata meglio nel pomeriggio dopo. PS. Conclusione lavori che che se ne dica, e con buona pace degli organizzatori = (era gia' tutto previsto).

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -