Cesena: Comune e Avis insieme per promuovere la donazione di sangue tra i giovani

Cesena: Comune e Avis insieme per promuovere la donazione di sangue tra i giovani

Cesena: Comune e Avis insieme per promuovere la donazione di sangue tra i giovani

Un piccolo gesto per contribuire allo sviluppo della comunità cittadina. E' questo l'invito che il sindaco di Cesena Paolo Lucchi lancia in una lettera indirizzata ai neo diciottenni della città, con l'obiettivo di promuovere tra i giovani il volontariato in tutte le sue varie forme ed, in particolare, la donazione del sangue, sostenuta dall'Avis su tutto il territorio nazionale.

 

"I nostri giovani - afferma il sindaco - sono coloro che, un domani, potranno contribuire a costruire il futuro della nostra città. Per questo, nel momento in cui saranno chiamati ad assumersi le responsabilità di essere adulti, vorrei rivolgere loro non solo i miei migliori auguri, ma anche un appello per stimolarli ad avvicinarsi a quel vasto sistema di associazioni di volontariato che, da anni, contribuisce ad arricchire la rete dei servizi rivolti ai cesenati più bisognosi. Tra questi, la donazione di sangue promossa dall'Avis Comunale rappresenta senza dubbio una preziosa occasione per i nostri giovani, grazie alla quale, con un piccolo sforzo, potranno contribuire a salvare la salute e la vita di tante persone".

 

Il sangue costituisce infatti un bene insostituibile, reperibile esclusivamente grazie all'azione di volontari, che decidono di donare il proprio sangue in maniera anonima e gratuita.

Tutti i ragazzi che nel corso dell'anno compiranno 18 anni riceveranno dunque una lettera da parte del sindaco, dove potranno trovare le informazioni necessarie sulla donazione di sangue e su altre possibili  esperienze legate al volontariato in generale.

 

"Naturalmente - precisa l'assessore alle Politiche del Benessere Simona Benedetti - il volontariato, in ogni sua forma, è aperto a chiunque desideri collaborare per dare il proprio aiuto a chi più ne ha bisogno. Il contributo di ognuno sarà un dono prezioso per la nostra città e, soprattutto, per tutte quelle persone di ogni età ed estrazione sociale che grazie ad esso potranno ricevere ascolto, conforto ed assistenza".

 

"Il 2009 ha dato risultati positivi per la raccolta di sangue - riferisce Giorgio Vicini, presidente dell'Avis di Cesena -, con 225 sacche di sangue in più rispetto al 2008 in tutto il territorio della nostra Ausl. Analoghi risultati si sono registrati nelle altre Ausl romagnole. Ma, purtroppo questo non  basta, perché contestualmente sono aumentati i fabbisogni degli ospedali. Ecco quindi l'estrema necessità di trovare nuovi donatori che possano, con i loro gesti di solidarietà, contribuire a riequilibrare questa situazione deficitaria. Lanciamo un messaggio: a chi è già donatore perché promuova il dono del sangue fra famigliari e conoscenti e a chi non è donatore (specialmente a chi è giovane) perché pensi seriamente a diventarlo".

 

"La donazione del sangue è una forma di volontariato molto importante, ma ci sono tanti altri modi per rendersi utili al prossimo. E se qualche ragazzo sente questa spinta, ma non ha le idee chiare su quello che può fare, è attivo il servizio di orientamento presso il Centro Servizi per il Volontariato Assiprov Cesena, attraverso il quale potrà conoscere le oltre cento realtà presenti sul territorio cesenate".

Tutti coloro che sono interessati, possono rivolgersi all'Avis comunale, in via Serraglio n.14 - tel. 0547.633193/352615, www.aviscesena.it. Per contattare il Centro Servizi per il Volontariato Assiprov Cesena: via Serraglio n.18 - tel. 0547 612612, mail info@assiprov.it.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -