Cesena, crisi finanziaria: Cna incontra le banche

Cesena, crisi finanziaria: Cna incontra le banche

CESENA - Giovedì 6 novembre alle  ore 20,30, presso la sala Verde del Centro Congressi della Fiera, in via Dismano 3845 a Pievesestina di Cesena, si terrà un incontro pubblico promosso da CNA Forlì - Cesena sul tema : "Tempesta finanziaria ed economia reale" .

 

Interverranno: Bruno Piraccini, presidente Cassa di Risparmio di Cesena SpA; Davide Valzania, vice direttore vicario Banca Romagna Cooperativa; Massimo Versari, direttore area Romagna della Banca popolare dell'Emilia - Romagna; Tiziano Alessandrini, presidente Camera di Commercio; presiede Alvaro Attiani, presidente CNA Forlì-Cesena.

 

 "Abbiamo deciso di organizzare questo incontro - dichiara Roberto Sanulli, responsabile CNA Cesena - per informare artigiani e piccoli imprenditori delle conseguenze che la crisi finanziaria potrà causare sull'economia locale, soprattutto nel momento in cui le imprese hanno necessità di accedere al credito. Per questo motivo abbiamo coinvolto il presidente della Camera di Commercio ed i massimi dirigenti di alcune delle principali banche operanti sul territorio: da loro ci attendiamo elementi di informazione generale e non solo, siamo soprattutto interessati a conoscere i comportamenti che gli istituti di credito da loro diretti intendono tenere per fronteggiare questa preoccupante situazione".

 

"Qualche giorno fa - continua Sanulli - proprio la Cassa di Risparmio di Cesena ha definito una serie di interventi a sostegno dell'economia locale stanziando un plafond di 80 milioni di euro. Una decisione tempestiva e condivisibile che, auspichiamo, venga immediatamente seguita anche da altre banche".

 

"Naturalmente - conclude Sanulli - la gravità della situazione che si prospetta va affrontata a tutti i livelli. Per quanto ci riguarda, nei giorni scorsi abbiamo avanzato un'importante proposta, sia nei confronti del governo che dell'opposizione, da inserire nella legge di conversione dei decreti legge anti-crisi. Abbiamo richiesto, infatti, di attivare subito un fondo di riassicurazione per un miliardo di euro a copertura delle operazioni dei confidi, garantito dallo Stato in modo da consentire alle banche di non comprimere i finanziamenti agli artigiani, ai piccoli e medi imprenditori. E' una misura di buon senso, possibile e necessaria, sulla cui necessità di attuazione, la Confederazione sta sensibilizzando tutte le forze politiche. Dobbiamo riuscire a scongiurare che il prezzo più alto di questa crisi venga pagato da coloro che rappresentano l'economia reale del nostro Paese".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incontro è aperto alla partecipazione di tutte le imprese interessate. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -