Cesena dice basta agli accampamenti abusivi

Cesena dice basta agli accampamenti abusivi

Cesena dice basta agli accampamenti abusivi

CESENA - Accampamenti abusivi? No grazie. Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi ha firmato un'ordinanza che vieta qualsiasi forma di bivacco (anche con camper, roulotte, auto) in tutte le aree di sosta del territorio.  "Si tratta di un fenomeno per fortuna limitato, ma che vogliamo ridurre, con interventi mirati nelle zone più esposte - spiegano il Sindaco e l'Assessore alle sicurezze Ivan Piraccini -. E' il caso di Bulgarnò, dove da tempo i cittadini lamentano la difficile convivenza con gruppi di lavoratori stranieri"

 

"Lavoratori presumibilmente interessati ai lavori agricoli, che per tutta la loro permanenza (spesso protratta per vari mesi) bivaccano e pernottano nelle loro auto parcheggiate nell'area di sosta e sulle strade della frazione. Già negli anni passati, di fronte a questo quadro difficile, eravamo intervenuti a più livelli, intensificando i controlli da parte della Polizia Municipale, e chiedendo di fare altrettanto alla locale stazione dei Carabinieri ed inviando mediatori culturali nell'ambito della struttura dei servizi sociali del Comune, questi ultimi con l'obiettivo di meglio conoscere il fenomeno e di esaminarne i risvolti sociali ed umani. Il problema si è riproposto anche quest'anno con la stessa evidenza e per questo nei prossimi giorni avremo un incontro pubblico con i residenti della frazione".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma nel frattempo - prosegue il sindaco - ci siamo già mossi, in stretta collaborazione con il Quartiere, avviando una serie di provvedimenti. Tra essi c'è questa ordinanza, che mette a disposizione delle forze dell'ordine un ulteriore strumento d'intervento. Inoltre si è previsto di intensificare i controlli e di far tornare già da questa settimana i mediatori culturali, per cercare di inquadrare con più esattezza la situazione e di impostare una rete di intervento che coinvolga tutti gli enti del territorio. Proprio a questo scopo, nei giorni scorsi abbiamo inviato una lettera al Prefetto Angelo Trovato, per sottoporre il caso alla sua attenzione. E ci risulta che, con la sollecitudine e con l'attenzione al nostro territorio che lo contraddistinguono, si sia già attivato per affrontare la situazione".

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di 2Kg
    2Kg

    Sarebbe così facile seguirne qualcuno, vedere dove va a lavorare ( in nero ) e poi punire severamente con multe limiti quelle persone (romagnole) che sfruttano le situazioni al limite della miseria creando il caporalato che anche qui da noi è già da parecchio tempo che imperversa. E ce ne saranno veramente tante di sorprese ! Siamo solo noi che vogliamo chiudere gli occhi su tutto quello che il nostro "vicino" sta facendo.

  • Avatar anonimo di ossa78it
    ossa78it

    Mi dispiace contraddire MirkoM, ma anche io mi trovo pienamente d'accordo con Alighiero. Mentre leggevo questo articolo, mi domandavo: ma queste persone (perchè sempre di persone si tratta) è possibile che scelgano questo? Oppure è una scelta forzata? Inoltre concordo con MirkoM che i soldi per i mediatori culturali siano soldi sprecati, non li investirei per riasfaltare le strade (che dovrebbero essere fatte con criterio sin dalla prima asfaltatura), bensì per vigilare maggiormente sulle condizioni di lavoro di queste persone. Facile sfruttare il lavoro dei più deboli, magari in condizioni pietose e senza tutele e poi cacciarli perchè danno fastidio...inoltre in questo paese se andremo avanti così, presto anche molti italiani e cesenati si troveranno in mezzo ad una strada!

  • Avatar anonimo di Alighiero
    Alighiero

    non si comprende il senso, dite che c'è un "piccolo esercito" di lavoratori stranieri che la notte si accampa alla bell'è meglio. Quale la causa ? amano la vita all'aria aperta ? Non guadagnano a sufficienza per permettersi un ricovero al coperto ? Sorge spontanea una domanda, lavorano regolarmente e sono corrisposti secondo cond. contrattuali legali o lavorano a nero sottopagati ? Il sig. sindaco che dispone degli strumenti per avere la risposta, se l'è posta questa domanda ?

  • Avatar anonimo di kenjyscan
    kenjyscan

    A bulgarnò è tempo di aprire un camping...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -