Cesena, domenica al Bonci prende il via "Poesia a teatro"

Cesena, domenica al Bonci prende il via "Poesia a teatro"

Cesena, domenica al Bonci prende il via "Poesia a teatro"

CESENA - Ideata dal Direttore del Teatro Bonci Franco Pollini nel 1996 con l'intenzione di lanciare un segnale di rinascita e rinnovamento, la rassegna "Poesia a teatro", esalta il piacere della scrittura poetica e letteraria, unendo il gusto della lettura, solitario e personale, con il gusto dell'ascolto, collettivo e pubblico. La formula si rinnova per la 15esima edizione con un programma costruito osservando la città e il suo respiro culturale dall'interno.

 

La serata di apertura (17 gennaio 2010) sembra contraddire questo assunto, perché gli autori presentati e le voci chiamate a interpretarli non sono cesenati: gli autori sono invece tre scrittori di fama internazionale, inventori di celebri investigatori, diventati protagonisti di serie televisive di successo. Simenon con il commissario Maigret, Camilleri con il commissario Montalbano, Macchiavelli con l'ispettore Sarti. A leggere saranno due bolognesi: lo stesso Loriano Macchiavelli e Gabriele Marchesini, attore dalla voce straordinaria. La ragione di questa scelta va cercata nel desiderio innanzitutto di presentare l'opera gialla più recente di Macchiavelli, Delitti di gente qualunque, edita da Mondatori nel 2009, ma anche di ricordare il ventennale della morte di George Simenon, proprio nei giorni in cui al Bonci è programmato uno spettacolo, Il birraio di Preston, tratto da un racconto di Andrea Camilleri.

 

La seconda serata (18 gennaio 2010) è dedicata alla poesia dialettale romagnola e cesenate in particolare. Il dialetto romagnolo, per opera di talenti poetici sbocciati dalle nostre parti, è divenuto una lingua letteraria di rara intensità ed espressività, oggetto privilegiato dell'interesse di tutte le edizioni di POESIA A TEATRO. Oggi molti editori locali si occupano di poesia e di poesia dialettale in particolare e tra questi la piccola e vivace Casa Editrice Tosca, che presenta i propri poeti e attori in TOT DIVIRS: Oscar Zanotti, Antonio Gasperini, Carlo Falconi e gli attori Serena Comandini e Denis Campitelli.

 

Gianfranco Lauretano è poeta ma contemporaneamente critico e giornalista: questo doppio binario di interessi è sottolineato nella Rassegna attraverso il collegamento tra la sua poesia, che leggerà personalmente, e la sua più recente opera di critico e storico: La traccia di Cesare Pavese. Poesia e prosa contro la censura del dolore, pubblicato da Rizzoli, presentata durante la terza serata (19 gennaio 2010).

 

Segue un'iniziativa organizzata insieme all'Associazione "Polonia" di Cesena, con il patrocinio del Consolato di Polonia di Milano, e dedicata alla poetessa Wislava Szymborska (20 gennaio 2010), Premio Nobel 1996, considerata la voce più alta tra i poeti polacchi viventi. Conosciuta e tradotta in Italia soprattutto dopo il riconoscimento accademico, la Szymborska è stata pubblicata da Scheiwiller e Adelphi, che le ha dedicato una raccolta completa (con testi originali a fronte), uscita nel 2009 sotto il titolo di La gioia di scrivere. Tutte le poesie (1945-2009). Per l'incontro, la scelta dei testi e la lettura sarà curata da Giuliano Cardellini e Roberto Mercadini.

 

Lo stesso Mercadini, brillante autore e attore cesenate, ritorna poi in una serata che ruota attorno a Carlo Collodi (26 gennaio 2010). Pinocchio è certamente uno dei testi letterari più diffusi e noti: Mercadini lo interpreta in una versione narrativa sul genere di Paolini e Celestini.

 

Ritorna Marco Viroli (21 gennaio 2010), poeta e organizzatore culturale forlivese, che completa con le Poesie d'amore lette da Andrea Brigliadori e Gabriele Marchesini, il programma a lui dedicato durante l'edizione precedente della Rassegna. Ritorna anche Marino Biondi, cesenate, docente di critica letteraria all'Università di Firenze, presidente della Fondazione Serra e soprattutto attento studioso di tutti i fenomeni culturali contemporanei. La serata da lui curata (22 gennaio 2010) è dedicata allo scrittore e giornalista napoletano Roberto Saviano e alla sua opera di scrittura civile: collaborano Lorenzo Pieri e, non solo per la lettura, Paolo Turroni.

 

Dopo la serata dedicata al Futurismo, già in cartellone (23 gennaio 2010), che prevede il ritorno a Cesena del più importante interprete italiano di partiture musicali scritte dai rappresentanti delle Avanguardie dei primi del Novecento, Daniele Lombardi, la Rassegna propone due serate dedicate a Giorgio Gaber, poeta della canzone, amato dal pubblico cesenate che lo ha applaudito al Bonci in tante fortunate occasioni. Un gruppo musicale cesenate, Formazione Minima, lo ricorda con un concerto che sarà anche integrato con i disegni eseguiti dal vivo da Sergio Gerasi (24 gennaio 2010). Lunedì 25 gennaio al Cinema San Biagio saranno proiettati alcuni spezzoni di spettacoli di Gaber, tratti dai DVD editi nel cofanetto Giorgio Gaber. Gli anni Novanta, e il volume sarà presentato dai curatori per la Fondazione Giorgio Gaber, Paolo Dal Bon e Andrea Pedrinelli. Tra i documenti video, alcune registrazioni di spettacoli allestiti al Bonci, provenienti dall'Archivio teatrale della Videoteca del Comune di Cesena.

 

Le ultime tre serate, diluite nel tempo, sono state pensate anche per condividere alcune giornate particolari. Il 27 gennaio, Giornata della memoria; il 21 marzo, Giornata della poesia e il 27 marzo Giornata del teatro.

 

Luciano Sampaoli, compositore e autore riminese, assiduo protagonista delle recenti scene cesenati con alcune importanti opere che al Bonci hanno debuttato, propone una sua composizione musicale e letteraria, Ad una voce ancora mi accompagno, ispirata tra l'altro all'opera teatrale e poetica di Harold Pinter, a cui si deve un'attenzione intensa nei confronti del genocidio ebraico.

 

Alda Merini è stata sicuramente una delle voci più alte della poesia italiana contemporanea. La Giornata mondiale della poesia viene ricordata dalla nostra Rassegna con un omaggio alla sua indimenticabile opera, con una serata a lei dedicata: otto poetesse romagnole, Isabella Leardini, Anna Maria Tamburini, Sabrina Foschini, Cristina Laghi, Maria Quagliotti, Ardea Montebelli, Narda Fattori, Elisabeth Turci si alterneranno al microfono leggendo proprie composizioni.

 

Infine, la conclusione della Rassegna è affidata a Roberto Mercadini e a Formazione Minima che insieme hanno collaborato alla produzione dell'audio-libro Melangolo, tratto da un testo dello stesso Mercadini: la pubblicazione viene presentata il 27 marzo, Giornata mondiale del teatro. Per l'occasione tutti gli spazi espositivi e mussali del Bonci saranno aperti per le visite guidate agli spettatori.

 

La parte più intensa della Rassegna, dal 9 al 31 gennaio, è accompagnata da una esposizione fotografica allestita nel Foyer del Teatro (inaugurata Sabato 9 gennaio 2010), Segni Inversi. Antologia fotografica (1977-2009): gli scatti di Franco Dell'Amore, musicologo e organizzatore culturale cesenate, curatore di Rassegne e Festival musicali, sono segni di visioni poetiche dei mondi che, nell'arco di un trentennio, egli ha visitato e  conosciuto.

 

ingresso gratuito

fatta eccezione per il concerto del 23 gennaio 2010 inserito nell'Abbonamento musica

 

informazioni

0547 355959/ 355911 - info@teatrobonci.it

www.teatrobonci.it

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -