Cesena, elezioni. Macori: "elimineremo i blocchi del traffico"

Cesena, elezioni. Macori: "elimineremo i blocchi del traffico"

Cesena, elezioni. Macori: "elimineremo i blocchi del traffico"

CESENA - "Ancora due giovedì di blocco del traffico e poi, finalmente, niente più inutili limitazioni alla circolazione. Limitazioni che, se a giugno vinceremo le elezioni, non verranno attuate nel 2010". Lo annuncia il candidato sindaco di Cesena del Pdl, Italo Macori. "L'accordo triennale per la qualità dell'aria 2006-2009 volge al termine e i risultati prodotti ci dicono che è stato un fallimento", sostiene Macori. "Insomma i blocchi non riducono l'inquinamento".

 

Per Macori "tutto dipende dalle condizioni meteo. E dagli interventi strutturali: l'apertura della Secante, quella sì che ha funzionato: spostando i flussi di traffico, soprattutto quello pesante, fuori dal centro abitato la qualità dell'aria è migliorata. Questo dovrebbe suggerire alle amministrazioni di applicare interventi che fluidifichino il traffico e non misure meramente ideologiche".


"Tra l'altro il blocco del traffico è un provvedimento che - aggiunge Macori -, in un periodo in cui l'economia non gira per il verso giusto, sarebbe stato meglio sospendere. Il blocco del traffico, infatti, è un costo per i cittadini e per le imprese, e grava maggiormente su chi ha un basso reddito e non ha la possibilità di acquistare una macchina nuova".

 

Queste azioni per il contrasto allo smog sono "una misura ingiusta e iniqua che, oltretutto, lo voglio ribadire, non serve a niente. Negli incontri fatti con le varie associazioni economiche del cesenate, tutte mi hanno posto il problema del blocco del giovedì: con me sfondano una porta aperta, le associazioni hanno pienamente ragione".

 

"Credo che bisognerebbe tornare ad un periodico lavaggio delle strade - è la tesi di Macori - questo permetterebbe l'abbattimento del particolato in atmosfera: le polveri, anche quelle sottili (le più pericolose per la salute) si depositano sull'asfalto e vengono sollevate dal vento e dal traffico. Lavando le strade si porterebbero le polveri negli scarichi fognari, diminuendo la loro presenza nell'aria".

 

Per il candidato del Pdl c'è anche "una questione igienica. C'è chi sosterrà che tutto ciò rappresenta uno spreco d'acqua; io non credo, anche perché i problemi dell'inquinamento si avvertono maggiormente in autunno e in inverno, quando l'acqua abbonda: invece di far tracimare la diga, che ci diano da bere l'acqua di Ridracoli e che usino quella dei pozzi per
lavare le strade. Perché, dunque, ostinarsi sul blocco del traffico?".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una risposta Macori se la dà: "Perché la sinistra non ha perso quel brutto vizio di voler
"educare" la gente attraverso degli obblighi: l'amministrazione guidata dal Pd, un partito permeato di finto ambientalismo, obbliga la gente a lasciare a casa la macchina. Una misura che fa solo arrabbiare e che non stimola le persone ad avere più attenzione dell'ambiente". 

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    @giorgiop quindi seguendo il vs. "ragionamento" bisogna lavare le strade per bloccare il particolato cancerogeno. bene, quindi niente più blocchi, ztl, zone pedonali... auto libere di andare ovunque per la gioia dei bottegai della città... tanto basta lavare la strada! perfetto, e quindi ad ogni inevitabile aumento del traffico cosa dovremmo fare? aumentare le frequenze dei lavaggi? quante volte? 2-3 volte al giorno basterà? e soprattutto, quando le auto saranno moltiplicate, libere di andare ovunque basterà l'invaso di ridracoli a lavare le strade??? L'unico rimedio al particolato è lasciare l'auto in garage, investire nel trasporto pubblico e nelle piste ciclabili come si fa da anni nel mondo CIVILIZZATO.

  • Avatar anonimo di giorgiop
    giorgiop

    Sono d'accordo con Macori perchè, piaccia o no, il lavaggio delle strade è l'unica soluzione concreta al problema del particolato nelle zone densamente abitate. tra l'altro tutti i principali paesi europei (francia, germania, svezia, ecc) adottano questo sistema con buoni risultati. Un altro aspetto da considerare è il riscaldamento delle abitazioni, molte caldaie sono ancora a gasolio!

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    d'accordo che servano a poco i blocchi... ma lui cosa propone contro lo smog? a parte l'idea fantastica di lavare le strade?

  • Avatar anonimo di Umberto Pallareti
    Umberto Pallareti

    Queste sono cose che il cittadinoi vuole sentire ... cerchiamo di pensare e costruire qulche cosa di nuovo, non affanniamoci intorno al vecchio libro delle ricette.

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Ringrazio nuovamente macori per aver ripetuto concetti da me già espressi più e più volte, addirittura con le medesime parole. Stefano Angeli

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -