Cesena, Fabbri (Verdi): "Basta con l'osannare gli inceneritori"

Cesena, Fabbri (Verdi): "Basta con l'osannare gli inceneritori"

CESENA - Davide Fabbri dei Verdi di Cesena chiede al Sindaco del Comune di Cesena la rimozione di una parte della mostra espositiva collocata nel Salone Comunale a Cesena, poiché si incensano gratuitamente gli inceneritori.

 

Il consigliere comunale dei Verdi ha partecipato ieri sera alla presentazione pubblica - svoltasi nella sala del Consiglio Comunale di Cesena - del progetto del nuovo Centro Servizi di Igiene Ambientale di Hera a Pievesestina di Cesena.

 

Era presente l'Architetto Gae Aulenti, progettista incaricata di Hera: Gae Aulenti - oltre ad essere il tecnico incaricato a realizzare il Centro Servizi di Pievesestina - è anche la progettista di due inceneritori presenti in Romagna: Forlì e Rimini.

 

"Durante la serata - dice Fabbri - si sono scoperte le carte: il Sindaco di Cesena Giordano Conti, il consigliere di Amministrazione di Hera spa Roberto Sacchetti, l'architetto incaricato Gae Aulenti hanno tutti osannato e promosso i progetti di incenerimento dei rifiuti. I Verdi non sono d'accordo, e chiedono con forza di non pubblicizzare - con una mostra espositiva collocata nel pregiato Salone Comunale - i progetti di incenerimento dei rifiuti".

 

"Questo - prosegue Fabbri - perché l'inceneritore è fonte di pesante inquinamento dell'atmosfera: la miscela di materie incenerite è imprevedibile e mutevole nel tempo, varia a seconda del processo di separazione, il che rende continuamente variabile e imprevedibile la composizione dei gas che escono dai camini e inefficace qualsiasi operazione di abbattimento dell'inquinamento atmosferico"

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In un inceneritore ogni 100 tonnellate che si bruciano - oltre a ciò che si immette in aria sotto forma di nanopolveri prodotte dalle alte temperature, diossine e altre sostanze nocive - rimangono circa il 30% di ceneri tossiche da stoccare in discariche speciali per i rifiuti tossici".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Laura Madrigali (LF)
    Laura Madrigali (LF)

    No all'inceneritore, sì alla raccolta differenziata e porta a porta, almeno in via sperimentale, nella nostra città per un anno, all'interno delle mura del centro storico. Si libererà inoltre un ragguardevole numero di spazi per la sosta di auto, cosa questa dall'utilità da non sottovalutare. Chiarimenti su come Hera sta utilizzando la nostra discarica della Busca, se per i soli rifiuti della città di Cesena, oppure se anche per stoccarvi anche rifiuti da altre provenienze. Verificare la differenza di prezzo fra quello dell'appaltatore per la raccolta rifiuti e quello del subappaltatore. Lo stesso dicasi per le campane della raccolta differenziata, che se non erro sono date all'appaltatore a noleggio. I noleggi di beni così duraturi non sono mai stati convenienti. Vale la pena acquistarli. Concedere libertà di offerta anche ai subappaltatori in regola con le norme imposte dalla legislazione vigente.

  • Avatar anonimo di Manuel_meet
    Manuel_meet

    Finalmente qualcuno che dice delle cose serie!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -