Cesena, Foro annonario: patto fra le associazioni del commercio e dell’artigianato

Cesena, Foro annonario: patto fra le associazioni del commercio e dell’artigianato

CESENA - Mentre sono aperti i termini del bando per l'affidamento della riqualificazione del Foro Annonario, come previsto dal project financing, Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato guardano già avanti. Con un protocollo d'intenti siglato da tutte e quattro, le associazioni del commercio e dell'artigianato dichiarano la volontà di offrire il loro apporto per sostenere il decollo della nuova struttura e, al contempo, chiedono di essere coinvolte nella definizione delle strategie legate al suo sviluppo e alla sua valorizzazione. In attesa che venga identificato il concessionario che dovrà concretizzare il progetto, interlocutore privilegiato su questo tema è l'Amministrazione Comunale e per questo le quattro associazioni (presenti Corrado Augusto Patrignani e Giorgio Piastra di Confcommercio, Graziano Gozi di Confesercenti, Roberto Sanulli di Cna e Piero Placuzzi di Confartigianato) hanno scelto di siglare il documento in Comune e di consegnarne una copia al Sindaco Paolo Lucchi ed all'Assessore alle attività produttive Orazio Moretti. 

 

Le quattro associazioni pongono come prima richiesta avanzata di riservare il diritto di prelazione, a parità di condizioni economiche, per il reinsediamento delle imprese che già ora operano all'interno del Foro Annonario

Ma, soprattutto, Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato considerano il recupero del Foro Annonario come importante opportunità per il pieno rilancio di quest'area commerciale, assegnandogli, anzi, un ruolo importante per dare slancio alle politiche turistiche dell'intera città. E per raggiungere questi traguardi chiedono di essere coinvolte in un "tavolo permanente di lavoro", dove poter condividere le politiche di merchandising, di commercializzazione degli spazi e selezione delle imprese, ma anche le politiche di marketing, di comunicazione, di formazione degli operatori e di promocommercializzazione turistica. Su quest'ultimo aspetto, in particolare, chiedono di poter svolgere un ruolo di referente prioritario e fin da ora manifestano l'esigenza che venga prevista la possibilità di realizzare iniziative specifiche all'interno del rinnovato Foro, con l'obiettivo di farlo diventare protagonista nel circuito delle eccellenze cittadine.

 

Dal canto loro, Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato si impegnano a una forte azione di sostegno finanziario (attraverso le rispettive cooperative di garanzia) per lo start up delle imprese assegnatarie, e sono pronte a mettere in campo i propri enti di formazione  per la messa a punto di progetti finalizzati alla crescita delle competenze degli imprenditori assegnatari degli spazi commerciali e dei loro dipendenti.

 

"Attribuiamo molta importanza al confronto ed alla concertazione - commentano il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l'Assessore Orazio Moretti - specialmente sui temi più rilevanti per il futuro della nostra città. Concordiamo pienamente, quindi, con la volontà espressa nel protocollo dalle associazioni del commercio e dell'artigianato di impostare un percorso condiviso per la promozione e la valorizzazione del nuovo Foro Annonario. Il recupero della struttura consentirà un nuovo sviluppo delle sue funzioni, pur mantenendo la preminente vocazione agroalimentare, e restituirà a Cesena e al suo centro storico uno spazio strategico, reso finalmente gradevole e funzionale: un vero e proprio "magnete" che rafforzerà ancor più la funzione di centro commerciale naturale di grande fascino propria della parte più pregiata di Cesena. Per dare al Foro l'impulso necessario, sarà fondamentale che lo stesso si integri pienamente con la rete commerciale circostante, che rappresenta uno dei punti forza del nostro centro. Per questo condividiamo con le associazioni la necessità di mettere in moto una cabina di regia che, partendo dalle novità che il Foro saprà ben evidenziare e avvalendosi delle competenze imprenditoriali già presenti ed in particolare di esperienze di valore almeno regionale come "Cesena Incentro" e "Zona A", sappia coordinare le varie iniziative in modo che si esaltino reciprocamente".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -