Cesena, Franchini (Lega Nord) critica i farmer market: "Buona idea ma poca programmazione"

Cesena, Franchini (Lega Nord) critica i farmer market: "Buona idea ma poca programmazione"

La Lega Nord Cesena, già lo scorso anno, aveva posto l'accento sull'aspetto culturale dell'iniziativa dei farmer market, ovvero dei mercati agricoli riservati agli agricoltori, in ossequio alla normativa prevista dal DM 20/2007.

E sappiamo molto bene come, in un momento di forte crisi economica nel settore agricolo di alcuni paesi comunitari, vedi in Germania ed in Spagna, dovuto al rischio epidemie, sia necessario e più che mai opportuno riappropriarsi del concetto di identità territoriale e valorizzare le nostre tipicità regionali e locali.

Questo elemento difatti assume un ruolo di primaria importanza, sia culturale, ma soprattutto economica.

 

E sosteniamo senza paura l'idea dei farmer market, come grande operazione culturale, operazione che può aiutare molto il settore agricolo alimentare locale.

Tale iniziativa non risolve tutti i problemi, questo è certo, ma dà un'indicazione per risolverlo.

Il Regolamento Comunale, già approvato lo scorso anno in consiglio comunale, merita alcune puntualizzazioni.

 

1) UBICAZIONE MERCATO

La zona individuata, Viale IV Novembre lato Fiume Savio, difatti, non sembra facilmente fruibile da parte dell'utente medio, il cittadino comune che va a fare la spesa la mattina: questa sebbene sia una zona vicina al mercato bisettimanale di Cesena risulta, però, difficilmente raggiungibile da certi punti della città.

Difatti anche per la questione del carico o scarico delle merci se consumatore volesse ritirare delle cassette di frutta ecc., nei giorni di mercato quell'area sarebbe fortemente congestionata per via della frequentazione delle auto degli avventori del mercato cittadino.

Il nostro partito avrebbe preferito che si individuasse una zona più centrale, magari una piazza o un'altra localizzazione che diventasse un polo di appuntamento per tutte le persone che vogliono servirsi di questo nuovo e importante servizio, in una zona naturalmente che non vada a contrastare con quelle che sono le esigenze dei negozianti.

In via provvisoria risulta una scelta raffazzonata, ma necessaria anche quella di provvedere all'ampliamento degli attuali spazi dedicati, come deliberato dalla Giunta, anche se ciò potrebbe causare problemi di traffico lungo la via IV Novembre e le arterie vicine per i problemi summenzionati.

 

2) TRACCIABILITA' E PROVENIENZA PRODOTTI

Altro punto nodale riguarda la tracciabilità e la provenienza dei prodotti, specie in un momento di forte crisi del settore agricolo a livello comunitario, per via del pericolo epidemie.

Siccome il "Mercato degli agricoltori" è istituito per dare ai consumatori la certezza della provenienza delle merci, la sicurezza sull'assenza di residui di pesticidi e favorire il consumo di prodotti ottenuti nelle vicinanze (territorio cesenate) ritengo sia giusto consentire la vendita solo alle merci prodotte dall'azienda che la espone nel suddetto Mercatino.

Difatti se il consumatore venisse a conoscenza che in quel luogo possono essere posti in vendita anche prodotti di altre provenienza acquistati, anche se in conformità alla legislazione nazionale,  dagli espositori, non troverebbe più le motivazioni che gli hanno fatto preferire quel mercato a quelli dei supermercati, degli ortolani ecc.

 

Diego Franchini 

Consigliere Comunale Lega Nord Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -