Cesena: gli organetti di Villa Silvia in tour con Vinicio Capossela

Cesena: gli organetti di Villa Silvia in tour con Vinicio Capossela

Cesena: gli organetti di Villa Silvia in tour con Vinicio Capossela

CESENA - Gli organetti di Villa Silvia in tour con Vinicio Capossela. Appartiene, infatti, alla collezione dell'Ammi che gestisce la Villa per conto del Comune, l'Organo di Barberia che ha accompagnato il cantautore in alcuni momenti del "Solo Show", suo ultimo recital. E non si è trattata di una mera presenza scenografica: l'organetto, infatti, ha suonato le canzoni di Capossela, appositamente trascritte su ‘cartoni forati" realizzati dal maestro Marco Gianotto dell'Ammi.

 

Portato con grande successo in alcuni dei teatri più celebri d'Italia, dal Sistina di Roma agli Arcimboli di Milano, dove ha registrato il tutto esaurito, lo spettacolo si prepara ora ad andare all'estero, con due date a Londra, previste per la fine di gennaio. E anche nella trasferta londinese ci saranno l'Ammi (Associazione Musica Meccanica Italiana) e l'Organetto di Barberia, suonato da Samanta Balzani. Ma intanto, la collaborazione con Capossela continua: proprio stamattina (venerdì 18 dicembre) l'organetto dell'Ammi è a Roma per partecipare alla registrazione del radio-racconto "Il Gigante e il Mago", scritto e interpretato dal cantautore, che andrà in onda su Radio Rai2 alle ore 11.00 del mattino di Natale.

 

Una vetrina davvero prestigiosa per gli affascinanti strumenti meccanici che hanno trovato sede nella villa cara al Carducci, dove sta per nascere un vero e proprio museo tutto per loro.

L'intenzione è di inaugurarlo nella prossima primavera, non appena saranno conclusi i lavori di restauro della struttura e l'allestimento delle sale secondo il progetto di percorso museale messo a punto dall'Ammi.

 

E intanto, per far decollare compiutamente il futuro museo e, con esso, il rilancio di Villa Silvia, l'Amministrazione Comunale ha appena approvato il rinnovo per cinque anni della convenzione con l'Associazione Musica Meccanica Italiana, trasferendo contemporaneamente le competenze sulla struttura all'assessorato alla Pubblica Istruzione (finora era in capo ai Servizi Sociali).

 

"Abbiamo fatto una scelta di lunga durata, piuttosto che continuare con l'affidamento anno per anno, - spiega il sindaco Paolo Lucchi - perché crediamo in questo progetto e vogliamo assicurargli continuità in una prospettiva di lungo respiro. Affidando Villa Silvia alla gestione dell'Ammi raggiungiamo due obiettivi importanti. Da un lato accogliamo uno straordinario patrimonio culturale, con una collezione di strumenti meccanici senza eguali in Italia, dando così risposta alle necessità di un'associazione unica nel nostro Paese e che opera proprio a Cesena. Dall'altro, ridiamo vita alla struttura, valorizzandola da un punto di vista turistico, a cominciare dalla stanza del Carducci, ma anche come spazio a disposizione della città".

 

"Nella nuova convenzione - conferma l'assessore alla Pubblica Istruzione Elena Baredi - puntiamo molto anche su questi aspetti. Nelle nostre intenzioni, Villa Silvia deve diventare sempre di più uno spazio dedicato, da un lato, a iniziative didattiche, dall'altro a ospitare iniziative sociali e aggregative, anche in collaborazione con altre istituzioni e associazioni e con i privati. Sul tavolo ci sono numerose idee in corso di definizione. Ad esempio, prendendo spunto dalla presenza di Carducci e dal salotto  culturale che la contessa Silvia tenne qui per anni, si sta pensando alla creazione di un giardino letterario. E vista la suggestione del luogo e la bellezza dei locali, stiamo valutando anche la possibilità di mettere a disposizione la villa come sede dove celebrare i matrimoni civili in alternativa alla tradizionale Sala degli Specchi, con la possibilità di realizzare qui anche il ricevimento".

 

Franco Severi, vulcanico responsabile dell'Ammi, sta già lavorando per definire questi ultimi progetti, che si affiancano al già impegnativo compito di allestire il museo e di programmare iniziative culturali legate alla musica meccanica. "E nonostante tutto - tiene a sottolineare - la villa continua a essere aperta e visitabile anche se sono in corso i lavori di ristrutturazione esterna. I visitatori non mancano: rispetto al 2008 sono più che raddoppiati. E mi piace sottolineare che già oggi Villa Silvia e il suo parco sono tornati a essere meta anche dei cesenati, che l'hanno riscoperta dopo un periodo di oblio. Per questo attendiamo con impazienza la primavera, quando anche il museo diventerà una realtà". 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -