Cesena: guerra aperta tra Comune e negozi sulle aperture domenicali

Cesena: guerra aperta tra Comune e negozi sulle aperture domenicali

Cesena: guerra aperta tra Comune e negozi sulle aperture domenicali

CESENA - E' scontro sulle aperture domenicali tra Comune e negozi. Benetton e Sisley scendono in campo. Dopo che la giunta non ha accolto l'istanza presentata dalla società Euro srl, che richiedeva l'apertura dei negozi tutte le domeniche ed i giorni festivi, non prevista dall'ordinanza del 19 dicembre scorso, arriva il ricorso al Tar. I due store in causa sono quelli centrali di corso Sozzi e via Zeffirino Re. Contestata la violazione di alcuni principi della riforma Bersani.

 

La richiesta della società, affidatasi all'assistenza legali dello studio De Bellis, è quella di apertura anche nei giorni festivi, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20 e di un risarcimento dal Comune che vada a coprire i guadagni mancati dopo la respinta dell'istanza. L'ordinanza comunale di regolamentazione degli orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio prevede, oltre all'apertura domenicale durante il periodo natalizio, una ulteriore concessione di 8 domeniche all'anno.

 

Nel ricorso al Tar, presentato da Euro srl, viene sottolineato come questa ordinanza vada contro i principi del decreto Bersani sulla libertà d'impresa, sulla concorrenza e sull'attenzione del consumatore, che prevede l'apertura al pubblico dalle 7 alle 22 tutti giorni, purchè non si superino le 13 ore giornaliere.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune è difeso dall'avvocato Leonardo Belli ed in questa partita rischia di giocarsi parecchio: in caso il Tar desse ragione a Benetton e Sisley si rischierebbe una vera e propria rivolta degli esercizi commerciali.

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    Perchè i paladini della fede sono, nel 99% dei casi, dei paladini del profitto prima di tutto!!!

  • Avatar anonimo di Unodeitanti
    Unodeitanti

    Una delle, molte o troppe, cose che non capisco è perchè certi signori che si ergono a paladini della fede cristiana e ne vogliono applicare puntigliosamente tutti i principi, ignorano che il Signore ha stabilito la domenica come giorno di RIPOSO. Quindi dovrebbero applaudire ad una giunta che ribadisce questo principio BIBLICO. Ed invece fanno come certi loro politici di riferimento che sono tutti PLURIDIVORZIATI ma organizzzano il family day.

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    Finchè a Cesena ci sarà una destra così gretta, retrograda e razzista (il puzzo di capre poi...) il PD rimarrà egemone per secoli... Ovviamente meglio certo il PD locale di questa poltiglia di destra islamofoba e ignorante!!!

  • Avatar anonimo di Laura Madrigali
    Laura Madrigali

    Per forza, il Comune è a favore dei centri commerciali e li favorisce in ogni modo: parcheggi di scambio, strade di collegamento, centri residenziali annessi. Ignora completamente la funzione sociale della piazza, dopo tanta sbandierata "cultura" priva la città del suo naturale centro di aggregazione, assumendo con diverse scelte politiche in tema di parcheggi e viabilità, costo delle soste e scomodità del servizio pubblico, la colpa di aver scientemente decretato la morte del centro storico che invece, per sua peculiarità storica, andrebbe al contrario protetto, salvaguardato, incentivandone il raggiungimento e la piacevolezza di percorrerlo a piedi, cosa che puntualmente avviene nelle più belle città d'Italia (e cesena a buon diritto deve annoverarsi fra queste in quanto anch'essa città d'arte) e in tutti i Paesi cosiddetti civili. Siamo nel terzo mondo del commercio, ma certamente se gli islamici decidessero che vogliono aprire il suk, sarebbero presto accontentati. Dopo la moschea, spacciata per centro di cultura islamica, sicuramente i musulmani vorranno ritrovarei vieppiù le loro usanze commerciali nel loro ambiente solito e tradizionale del suk. Come negarglielo, dopo aver concesso a loro di tutto e di più fra case, sostentamento, assistenza sanitaria, borse della spesa a casa piene di cibarie, moschea e quant'altro? Odori di spezie e puzza di capre ci invaderanno, e dovremo sopportare per quito vivere, o meglio per minacce di ritorsioni. Complimenti, gran belle scelte ha fatto per noi il PD e coloro che l'hanno sostenuto e mai contrastato finora. Laura Madrigali, candidata Libertà e Futuro Cesena

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -