Cesena, Hera. Di Placido (Pri): "aumentano le tariffe, diminuisce la fiducia"

Cesena, Hera. Di Placido (Pri): "aumentano le tariffe, diminuisce la fiducia"

CESENA - "In un periodo di difficile crisi economica che ha colpito pesantemente anche i nostri territori, Hera pensa bene di distinguersi con un sensibile aumento delle tariffe del servizio gestione rifiuti per i prossimi anni". Lo sostiene Luigi Di Placido, capogruppo del Pri in consiglio comunale a Cesena. "Le tariffe crescono in una escalation di circa il 15% negli ultimi 5 anni - fa notare Di Placido -, il servizio non ci risulta crescere di pari passo, il tutto nell'ormai annoso paradosso della coincidenza tra controllore e controllato: i Sindaci sono i soci della società che dovrebbero gestire".

 

"Dal 1 Gennaio le ATO non esisteranno più, almeno per come le abbiamo conosciute fino ad oggi - fa notare l'esponente repubblicano -, e questo in qualche maniera affronta il paradosso di cui sopra, ma apre scenari preoccupanti: la decisione della Giunta Regionale, che a fine Settembre ha prorogato gli affidamenti all'attuale gestore per il servizio pubblico integrato e il servizio di gestione dei rifiuti urbani, allontana la prospettiva di una reale apertura al mercato, consegnando le nostre realtà ad una stretta mortale tra rigido monopolio e mancanza di adeguati ed effettivi controlli".

 

"La presunta trattativa apertasi tra le richieste di Hera e le mediazioni dei Sindaci avviene proprio nelle settimane in cui tutte le Amministrazioni locali denunciano difficoltà a definire i bilanci futuri - afferma Di Placido -, non escludendo aumenti di tassazione diretta o indiretta; il contributo che Hera intende dare a questa difficile situazione è aumentare, a sua volta, le tariffe?".

 

"Come potranno i Sindaci accettare una tale visione, completamente scollegata dalle dinamiche del territorio e dai tassi di inflazione? - si domanda ancora Di Placido -. Prevarranno i dividendi da riscuotere sui maxi-utili di Hera o la coerenza con la tanto dichiarata volontà di non gravare sui cittadini più dello stretto necessario?".

 

"Ci riesce sempre più difficile comprendere questo sistema, e lo diciamo da convinti sostenitori del mercato vero - aggiunge Di Placido -, tutta altra cosa da quello in salsa municipal-socialista che siamo costretti a subire, con la mano destra che spesso non può e non deve sapere cosa fa quella sinistra, fermo restando che entrambe rispondono ad un medesimo sistema nervoso centrale".

 

"Ci piacerebbe che, in questi momenti difficili, ci fosse la capacità di scommettere con coraggio su scenari futuri, in grado di aprire nuove occasioni di ricchezza e sviluppo - sostiene l'esponente repubblicano -. Ecco perchè avremmo preferito non sentir parlare di aumento delle tariffe della gestione rifiuti, quanto piuttosto di avvio di una politica territoriale integrata per la raccolta differenziata porta a porta, con l'obiettivo di dare vita a quel "Distretto del recupero" che da tempo riteniamo una prospettiva di crescita concreta. Addirittura saremmo stati disposti a ragionare su di un aumento temporaneo se il fine fosse stato questo".

 

"Ma di queste cose non si parla, se non in maniera episodica e scollegata: le strategie sono definite lontano dal territorio di riferimento, con buona pace della politica, che crede di avere ancora in mano le redini delle decisioni - conclude Di Placido -. In realtà non è più così, e la cosa più tragica è che molti fingono di non capirlo. Aumentano le tariffe e, in maniera inversamente proporzionale, cala la fiducia sulla effettiva rispondenza di queste scelte con le nostre reali esigenze. Rimane da capire quanto sia possibile andare avanti in questa maniera e quanto bisognerà ancora attendere per vedere gare e servizi affidati a chi più se li merita".

 

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di umbertob
    umbertob

    @ stefano "non un uomo un destino" se non fosse per l'eta mi farei il tatuaggio....hihihihihih

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Il mio governo? Non sapevo di averne uno...

  • Avatar anonimo di zio Giangi
    zio Giangi

    Pensa un pò ... invece stefano ha bisogno del PD, altrimenti di cosa si può lamentare? del suo governo che va così bene ? essere ridicoli a volte è arte.

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Specialmente il PD

  • Avatar anonimo di Alighiero
    Alighiero

    Tutti hanno bisogno di Hera.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -