Cesena, i cittadini chiamati a ripensare la Grande Malatestiana e il Foro Annonario

Cesena, i cittadini chiamati a ripensare la Grande Malatestiana e il Foro Annonario

Cesena, i cittadini chiamati a ripensare la Grande Malatestiana e il Foro Annonario

CESENA - E' previsto per giovedì 14 aprile, nel Palazzo del Ridotto, l'avvio ai lavori di "Al centro dell'ultimo chilometro", il laboratorio di progettazione partecipata, che prevede il coinvolgimento attivo di tutti i cittadini di Cesena, invitati in quest'occasione ad esprimere pareri ed idee personali in materia di valorizzazione e sviluppo del centro storico, attraverso il confronto diretto con i membri dell'amministrazione comunale.

 

Il confronto collettivo, che si snoderà lungo tre giornate - più specificatamente giovedì 14, venerdì 15 e sabato 16 aprile -, "sarà occasione - assicura il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi - non solo per discutere delle problematiche attuali gravitanti attorno al centro storico di Cesena e riguardanti in particolare due temi scottanti del dibattito pubblico degli ultimi tempi, viabilità e parcheggi, ma anche e soprattutto per allargare lo spettro di indagine e riflessione sull'attuazione di nuovi progetti tesi alla valorizzazione del centro della città in termini di funzionalità e servizi resi alla collettività".

 

L'obiettivo è quello di definire in una tavola rotonda le linee guida da seguire per migliorare la qualità urbanistica e architettonica del centro storico, con un riflettore puntato in particolare sull'organizzazione e il miglioramento degli spazi pubblici: strade, piazze ed edifici. Ciò verrà fatto rinnovando un'esperienza di discussione open space già attuata lo scorso anno con l'"Ultimo chilometro", quando i cittadini di Cesena furono chiamati ad esprimersi pubblicamente sulla mobilità e la sosta nelle aree del centro urbano.

 

"Attualmente i progetti proposti dai cittadini che hanno trovato un'attuazione sono circa l'80% rispetto al totale di quelli avanzati per il 2010", sostiene l'amministrazione. Il percorso di riflessione si propone dunque quale fertile terreno per la continuazione del dialogo tra pubblica amministrazione e cittadinanza. Sottolinea il sindaco Paolo Lucchi: "Con un occhio di riguardo alle tre categorie a buon diritto maggiormente coinvolte nei progetti di futura riqualificazione del centro cittadino, residenti, operatori commerciali e artigianali e tutti coloro che quotidianamente fruiscono del sistema dei servizi offerti dai servizi del centro".

 

Spiega l'assessore ai Lavori Pubblici e alla Mobilità, Maura Miserocchi: "Tre saranno i temi oggetto della discussione delle 3 giornate: la risistemazione della Grande Malatestiana e degli spazi pubblici che la circondano (Piazza Almerici, piazza Bufalini, piazza Fabbri, ma anche i cortili della Biblioteca e le gallerie Almerici e Urtoller); il Foro Annonario, eletto quale strategica arteria pulsante della vita commerciale del centro, e il Comune, per il quale è prevista la trasformazione in centro nevralgico delle attività amministrative, per semplificarne la fruizione da parte del singolo cittadino; la riqualificazione di Piazza della Libertà, vista idealmente come teatro di socializzazione e dei grandi eventi, con un occhio di riguardo per il mondo giovanile".

 

L'orizzonte di discussione non tralascerà di toccare questioni concernenti gli interventi strutturali previsti per la promozione di Cesena in quanto città da visitare e tutte le iniziative da assumere sul fronte della mobilità e dei trasporti, nei quali rientrano in particolare la sistemazione del parcheggio dell'Ippodromo attraverso il miglioramento della rete dei servizi; il potenziamento della rete delle piste ciclabili già esistenti, con la messa in sicurezza dei punti più critici; e il rafforzamento dei sistemi di videosorveglianza e controllo ZTL esistenti (SIRIO). "Si tratta di una serie di incontri per parlare del centro storico di oggi ed immaginare costruttivamente quello di domani", sottolinea il sindaco Paolo Lucchi, rivolgendo un invito personale agli imprenditori di Cesena ad "uscire da trincee fatte di posizioni ideologiche precostituite".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Simona Carloni

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Giubbe_rosse
    Giubbe_rosse

    Le proposte potrebbero essere tante ma anche l'aspetto estetico ed architettonico con cui si sistema il centro storico conta. Si sono spesi moltissimi euro per realizzare una sistemazione in Via Chiaramonti ed in Corso Ubaldo Comandini con le peggiori finiture che si potessero immaginare. Sarà possibile sistemare i marciapiedi con i cordoli da periferia industriale? siamo dentor le mura del centro storico, a nessuno è venuto in mente un intervento migliore??? Seconda cosa, per realizzare una bella camminata lungo le mura, è possibile inserire un ponte in acciaio tipo liberty sulla via braschi che unisce i due tratti di mura interrotti? così si potrebbe passare da via Mura Barriera Ponente al retro del San Biagio.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -