Cesena, i maghi della truffa incastrati dal loro bassotto

Cesena, i maghi della truffa incastrati dal loro bassotto

Cesena, i maghi della truffa incastrati dal loro bassotto

CESENA - Una coppia di truffatori ricercata in tutta Italia è stata arrestata a Cesena. I Carabinieri hanno messo le manette a Ernesto Bavota (57 anni) e Sandrina Marchesani (42 anni) detti Bonnie e Clyde, presunti falsificatori di documenti che avrebbero truffato imprenditori di mezza Italia. Dal Trentino alle Marche. La loro entrata mensile supererebbe i quindicimila euro e a tradirli è stata la registrazione all'anagrafe canina del loro bassotto. Al momento sono entrambi al carcere di Forlì.

Nel giro delle truffe lui è "l'affabulatore" e lei è soprannominata "Eva Kant". I due sfruttavano le proprie capacità per truffare rivenditori all'ingrosso, da cui acquistavano prodotti (senza pagarli) che venivano rivenduti poi a terzi a prezzi stracciati.

Su Bavoto pende una pena di 15 anni sancita dai tribunali di mezza Italia; a detta dei militari è un vero e proprio "mago della truffa" che aveva fatto perdere le sue tracce dal 2004. Di recente aveva affittato una villa con la Marchesani a Cesena in via Isonzo. Insieme a loro una Mercedes (in leasing avuta mostrando documenti falsi) con targa tedesca e un bassotto. Quando è stato arrestato aveva 7mila euro in tasca anche con tagli da 500. Lei invece indossava una maglia con scritto "Lupin" in onore del celebre ladro dei fumetti.

A tradirli è stata la passione della donna per i cani e un po' di ingenuità. Infatti la Marchesani ha registrato all'anagrafe canina di Cesena un bassotto acquistato pochi giorni prima dando le proprie generalità ma un indirizzo che è risultato subito fittizio. Su segnalazione dei carabinieri di Campobasso, residenza dei due malviventi, il nucleo operativo di Cesena ha iniziato le sue indagini partendo dai veterinari. Un lavoro di appostamenti lungo una settimana conclusosi mercoledì quando la coppia è stata fermata in viale Matteotti.

La coppia non ha opposto resistenza. Una volta ammanettati la loro preoccupazione si è rivolta subito al bassotto che al momento è stato affidato ad una vicina di casa.

Alessandro Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -