Cesena, i profughi arrivano nella ex scuola elementare di Oriola

Cesena, i profughi arrivano nella ex scuola elementare di Oriola

Cesena, i profughi arrivano nella ex scuola elementare di Oriola

CESENA - Sono 12 i profughi che arriveranno a Cesena entro il fine settimana, nell'ambito del piano di accoglienza definito dalla Regione in collaborazione con gli enti locali per rispondere all'emergenza umanitaria verificatasi a Lampedusa. La conferma definitiva è arrivata nel pomeriggio di giovedì, dopo gli ultimi contatti con gli uffici regionali. I migranti che arriveranno a Cesena fanno parte del gruppo di 45 assegnati dalla Regione alla provincia di Forlì-Cesena.

 

I 12 saranno sistemati nell'ex scuola elementare di Oriola, che proprio in queste ore è in corso di allestimento a cura della Protezione Civile. La gestione quotidiana della struttura sarà affidata all'Asp Cesena - Valle Savio, che incaricherà un responsabile di seguire tutti gli aspetti organizzativi e pratici, a cominciare dai pasti.

 

L'arrivo di questo gruppo fa seguito all'assegnazione, già anticipata nei giorni scorsi, di tre ragazzi minorenni, affidate alle strutture cesenati.

 

Il Comune di Cesena ha individuato questa sistemazione dopo l'ultima riunione del tavolo regionale per la gestione dell'emergenza, condividendo così l'impostazione dell' accordo definito da Anci, Upi e Conferenza delle Regioni, accordo secondo il quale tutti i territori sono chiamati ad assumersi la propria quota di responsabilità, come richiesto dal governo. Ha prevalso, infatti, l'orientamento a evitare le grandi concentrazioni in sistemazioni più o meno precarie (ad es. tendopoli), privilegiando una distribuzione congiunta nelle varie zone sulla base delle loro strutture e delle loro capacità di accoglienza.

 

I residenti della frazione di Oriola sono stati informati dell'imminente arrivo dei profughi con un'assemblea svoltasi ieri sera, e anche il quartiere Cesuola è stato coinvolto.

 

Per far fronte alla situazione i Servizi Sociali del Comune stanno lavorando in stretta collaborazione con il mondo del volontariato e, in particolare, con la Caritas diocesana, a sua volta in rete con la Caritas nazionale, impegnata in prima linea su questo fronte.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Cesena ha segnalato anche la disponibilità ad accogliere, in caso di necessità, anche una donna con 2 o 3 minori: in questo caso, però, la loro sistemazione seguirà i canali di accoglienza tradizionali, già a disposizione, senza bisogno di ricorrere a soluzioni d'emergenza.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di MirkoM
    MirkoM

    ... si comincia così: i primi 12 in una scuola dismessa della collina, poi altri 12 o 24 o 48 o perchè no, un bel centinaio da piazzare in locazioni popolari a scapito DEI CESENATI DEI ROMAGNOLI DEGLI ITALIANI. E poi ce li ritroveremo a piangere miseria davanti alle porte degli uffici comunali o affollare gli ambulatori sanitari, in strada ad accattonare o sulle panchine a bivaccare, e già che ci siamo, aspettiamoli pure sulla porta delle nostre abitazioni: profughi o CLANDESTINI regolarizzati? (Andasì in te fiom tot quent).

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -