Cesena: il camper della Regione alla Giornata mondiale del donatore di sangue

Cesena: il camper della Regione alla Giornata mondiale del donatore di sangue

CESENA - "Un piccolo gesto può fare grande la vita. Donare sangue, semplicemente importante". Recita così lo slogan che appare sul "camper del sangue", l'automezzo allestito dalla Regione in collaborazione con le associazioni dei donatori Avis e Fidas/Advs, che arriverà a Cesena sabato 14 giugno, in occasione della giornata mondiale del donatore di sangue, per far tappa dalle ore 9,30 alle 12 in Piazza Almerici.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, il camper si sposterà a Cesenatico dove stazionerà in Piazza Costa, dalle ore 16 alle 19. Potranno accedervi tutte le persone desiderose di avere chiarimenti in merito alla donazione.

 

Scopo dell'iniziativa è quello di avvicinare i cittadini e le cittadine al gesto della donazione di sangue e quindi trovare nuovi donatori, considerando anche l'aumento della richiesta di sangue. Con la donazione di sangue, un "piccolo gesto che può fare grande la vita",  si può offrire il proprio contributo al buon funzionamento del Servizio sanitario regionale: interventi chirurgici complessi come i trapianti di organo, interventi in emergenza,  il trattamento di traumi gravi, il trattamento di malattie congenite del sangue, le cure per gli ammalati di tumore ... sono tutti servizi che hanno avuto un grande potenziamento ma che hanno bisogno di sangue, un elemento "prezioso per la vita, che non può essere riprodotto artificialmente". 


In Italia i donatori, nel 2007, erano 1.534.000 e le unità di sangue intero raccolte 2.394.000 (fonte: Registro nazionale sangue). In Emilia-Romagna, nel 2007, i donatori sono stati 162.905 e le unità di sangue intero raccolte 248.764, con un incremento dello 0,6% rispetto all'anno precedente. Anche nel 2007 l'Emilia-Romagna ha contribuito al fabbisogno nazionale: 6.301 sono state le unità di sangue trasferite alle Regioni carenti, così come stabiliscono il Piano sangue regionale e nazionale. Inoltre, il contributo dei donatori sarà fondamentale anche per permettere all'Emilia-Romagna di continuare ad assicurare unità di sangue a quelle realtà  che non riescono, con la loro raccolta,  a soddisfare le esigenze dei loro servizi. Per il 2008, il fabbisogno della Regione è stato stimato in 242.200 unità di sangue. Per soddisfare le esigenze del Servizio sanitario regionale e per continuare a contribuire al fabbisogno nazionale, occorre che altre persone entrino a far parte della grande comunità dei donatori.

 

Negli stessi giorni, in tutte le strutture sanitarie dell'Azienda USL di Cesena verrà distribuito il materiale informativo della campagna regionale per la promozione del sangue realizzata in modo unitario, come ormai consuetudine quasi decennale, dalla Regione Emilia-Romagna e dalle associazioni di volontariato Avis e Fidas/Advs e caratterizzata dall'immagine di volti di uomini e donne, di diverse età e di diverse etnie, a sottolineare la volontà di sviluppare quella cultura della solidarietà, che è già patrimonio della comunità regionale,  rivolgendosi anche ai nuovi cittadini arrivati in Emilia-Romagna da altre parti del mondo e ai giovani.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -