Cesena, il Comitato Acqua: "Gli italiani la vogliono pubblica"

Cesena, il Comitato Acqua: "Gli italiani la vogliono pubblica"

CESENA - Non ci sono privatizzazioni di sinistra migliori di quelle di destra, dobbiamo partire da questo presupposto per fare chiarezza su alcune esternazioni che sono comparse sui quotidiani locali all'indomani del voto referendario.


Gli italiani in maggioranza assoluta, visto che si è trattato del 95% del 57% degli aventi diritto cioè del 54% di tutti gli italiani, ha detto con estrema chiarezza che non si vogliono privatizzazioni in fatto di servizi locali.

 

Questo semplice quanto chiaro concetto dovrà essere digerito sia dal centro-destra che dal centro-sinistra, pena un ulteriore disaffezione dell'elettorato nei confronti dei due schieramenti a vantaggio di un movimento che si sta facendo sempre più ampio e trasversale fra i cittadini ormai stanchi dello stucchevole teatrino della politica. Le azioni che devono essere intraprese dalle amministrazioni locali, di qualsiasi orientamento politico esse siano, devono andare nella direzione della ripubblicizzazione dei servizi locali, primo fra tutti il servizio idrico integrato.


Un esempio da seguire è quello di Napoli, che alla guida del neo sindaco De Magistris ha già annunciato che la città partenopea sarà la prima ad attuare il volere degli italiani all'indomani del voto del 12 e 13 giugno scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Ora è il momento di rispolverare la proposta di Legge di iniziativa popolare sulla ripubblicizzazione del servizio idrico integrato che giace dal 2007 nei cassetti della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, proposta mai discussa e presentata con il supporto di oltre quattrocentomila firme di cittadini. Non ci sono tatticismi o attese, si tratta solo di dare attuazione al chiaro e inequivocabile volere degli elettori, tutto il resto rappresenta solamente un tentativo anticostituzionale di raggirare la volontà della maggioranza assoluta degli italiani.


Amadio Gianluca
Comitato Referendario Cesenate
2SI per l'Acqua Bene Comune

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -