Cesena, il Comune convoca gli ''Stati generali'' su scuola, welfare e semplificazione

Cesena, il Comune convoca gli ''Stati generali'' su scuola, welfare e semplificazione

Cesena, il Comune convoca gli ''Stati generali'' su scuola, welfare e semplificazione

CESENA - Nel complesso percorso verso la definizione del bilancio 2011 si apre una nuova fase. Infatti, dopo il primo momento di analisi con i sindacati e le associazioni imprenditoriali, che ha visto la convocazione di una serie di tavoli dedicati ai temi prioritari della politica comunale (lavoro, welfare, giovani e istruzione, ambiente, semplificazione), e dopo il consiglio comunale aperto dedicato al tema del lavoro, ora  il confronto si apre alla città.

 

Tutti i cesenati sono invitati a partecipare agli ‘stati generali' della scuola, del welfare, della semplificazione: tre momenti che serviranno a tracciare le prospettive future su questi temi di particolare rilievo per la vita di tutti, alla luce dei risultati già ottenuti, ma soprattutto dell'assottigliarsi delle risorse a disposizione del Comune.

 

"La pesantissima riduzione di trasferimenti agli enti locali decisa dal Governo - spiega il sindaco Paolo Lucchi - rende quest'anno ancora più difficile il compito di definire il bilancio di previsione. Non vogliamo rassegnarci a lasciar devastare la nostra rete di servizi ai cittadini, alle famiglie, alle imprese, anzi vogliamo fare il possibile e l'impossibile per difendere la qualità della vita nella nostra città. Per farlo siamo chiamati a un particolare sforzo per elaborare le scelte necessarie a difendere la nostra comunità, nella consapevolezza che dovremo comunque affrontare rinunce e sacrifici. Per questo ci è sembrato necessario un più ampio coinvolgimento delle forze sociali ed economiche e della città tutta, per confrontarci a viso aperto sulle difficoltà che dovremo affrontare e sulle priorità da salvaguardare".

 

Il primo appuntamento è per venerdì 29 ottobre, alle ore 16, nel foyer del teatro Bonci, per parlare di scuola, formazione, giovani.  La pubblica istruzione rappresenta una quota consistente nei conti comunali: la spesa sostenuta nel 2009 ammonta a 15 milioni e 679mila euro, pari al 19,5% dell'intero bilancio. Di questa cifra il 30% (pari a 4 milioni e 724mila euro) è andato alle scuole per l'infanzia, il 20% (pari a 3 milioni 140mila euro) agli asili nido, mentre il 27,5% (pari a 4 milioni 313mila euro) è stato destinato agli interventi per il diritto allo studio (mense, trasporti scolastici, contributi alle materne convenzionate e alle scuole per il funzionamento degli uffici, fornitura dei libri di testo alle scuole elementari, ecc). Da segnalare, inoltre, la crescita degli interventi e delle risorse destinati al sostegno dell'handicap: nell'anno scolastico 2009/2010 sono stati utilizzati 401mila euro (contro i 391mila dell'anno precedente) per garantire l'assistenza a 69 alunni dalla scuola materna alle superiori; il dato non comprende i bambini seguiti nelle scuole per l'infanzia e nei nidi comunali.

 

"Già nel tavolo di confronto con sindacati e associazioni di categoria - ricorda l'assessore Elena Baredi - è emersa la convinzione condivisa che la qualità dei servizi educativi gioca un ruolo e che non può essere sacrificata in nome di mere valutazioni contabili (pur necessarie per far quadrare il bilancio). E nonostante le difficoltà, il nostro intento è di mantenere l'impianto complessivo del nostro sistema scolastico, cercando di far fronte anche alle lacune determinate dai tagli governativi al sistema scolastico, soprattutto sul versante dell'handicap".

 

L'incontro successivo, dedicato agli Stati generali sul Welfare è fissato per mercoledì 10 novembre, alle ore 17, nella sala polivalente ex Comandini, mentre quello su semplificazione per cittadini e imprese si terrà lunedì 15 novembre, alle ore 16 nella sala del consiglio comunale.  Ma chi vuole partecipare al confronto sul bilancio comunale può farlo anche attraverso il sito cesenadialoga.it. Qui sono pubblicati e possono essere facilmente consultati tutti i materiali di rendicontazione economico-finanziaria e gestionale dell'attività del Comune nel 2010 utilizzati negli incontri con le forze sociali. In questo modo si è voluto permettere a tutti i cittadini di farsi un'idea più chiara di quello che è stato fatto e di come sono state utilizzate le risorse. Inoltre, tutti quelli che lo vogliono possono dare il loro contributo di idee sulle scelte da compiere il prossimo anno, inviando osservazioni e proposte a: bilancio@cesenadialoga.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -