Cesena, il Comune in prima fila contro la crisi: aumenta il sostegno alle famiglie

Cesena, il Comune in prima fila contro la crisi: aumenta il sostegno alle famiglie

Cesena, il Comune in prima fila contro la crisi: aumenta il sostegno alle famiglie

Nel 2009 sono aumentati del 20% i nuclei famigliari presi in carico dai Servizi Sociali del Comune di Cesena: infatti, mentre nel 2008 sono stati circa 2500, lo scorso hanno superato il tetto dei 3000. "Un fatto che induce a riflettere - osservano il Sindaco Lucchi e l'Assessore alle Politiche del benessere Simona Benedetti -  sul progressivo aumento delle situazioni di difficoltà". Nel 2009 il Comune ha erogato circa 620mila euro per sostenere le famiglie (+32% rispetto al 2008)

 

"E' vero, infatti, che in questo numero sono comprese tutte le famiglie che usufruiscono di una qualche forma di aiuto, non solo finanziario (è il caso, ad esempio, dell'assistenza domiciliare per gli anziani non autosufficienti). Ma va registrato che una fetta consistente è rappresentata proprio da chi si è rivolto al Comune per ottenere un sostegno di tipo economico. Del resto, i dati nazionali diffusi in questi giorni confermano quanto siano in difficoltà i bilanci familiari: una famiglia su cinque vive con meno di 1200 euro al mese, mentre una su tre ha debiti da pagare. Per contro il potere d'acquisto è sceso del 4 per cento nel giro di due anni. Già questi elementi sono preoccupanti, ma a questo dobbiamo aggiungere i problemi delle aziende, che anche nel Cesenate inevitabilmente si riflettono sui lavoratori. Di fronte a questo quadro appare chiaro che sono necessarie misure straordinarie per affiancare chi si è trovato catapultato da una situazione di normalità alle soglie della povertà".

 

Qualche dato per inquadrare meglio la situazione: nel 2009 sono state 610 (nel 2008 erano 571) le famiglie che hanno ricevuto un contributo economico ordinario: si tratta di un intervento di entità variabile, erogato sulla base delle necessità e del percorso messo a punto con l'assistente sociale, a famiglie che hanno gravi difficoltà anche per far fronte alle spese quotidiane (generi alimentari, bollette, ecc.). A queste si aggiungono le 110 famiglie che hanno beneficiato dei contributi straordinari anticrisi, concordati con Cgil, Cisl e Uil e rivolti a chi ha perso il lavoro o è stato messo in cassa integrazione, ed è significativo sottolineare che, in questo caso, si tratta di famiglie che in precedenza non si erano mai rivolte ai servizi del Comune. Complessivamente, fra contributi ordinari e straordinari, il Comune di Cesena ha erogato nel 2009 la somma di 620mila euro, contro i 470mila dell'anno precedente, con un incremento pari al 32 per cento.

Un impegno che è stato ulteriormente rafforzato per il 2010, con lo stanziamento di 1 milione di euro in più proprio nel capitolo dedicato al sociale. "Abbiamo sempre indicato la difesa della coesione sociale - ricorda il Sindaco Lucchi -  come una delle nostre principali priorità e crediamo sia un dovere delle istituzioni, e in questo caso del Comune, farsi carico di questa responsabilità, nella consapevolezza di avere in mano strumenti importanti per formulare le risposte che i cittadini si aspettano. E' vero, nella nostra realtà il volontariato è molto attivo e presente, specialmente quando si tratta di emergenze, ma da solo non sarebbe in grado di far fronte alle molte e diversificate situazioni di disagio presenti. Né sarebbe giusto affidare solo al mondo delle associazioni questo compito. E' invece opportuno che il Comune continui a fare da capofila, avvalendosi al contempo della preziosa collaborazione delle associazioni. Ma chiediamo anche il coinvolgimento degli istituti di credito del territorio, affinchè diano il loro apporto per mettere a punto strumenti meno rigidi in grado di aiutare ad uscire dalla crisi".

 

All'assessore Benedetti il compito di delineare alcune delle prossime tappe d'intervento del Comune. "In primo piano c'è il problema della casa: il costo dell'affitto continua a essere uno degli scogli più grossi per le famiglie cesenati. Basti dire che le domande per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica pervenute con il nuovo bando sono state 677, di cui 667 accolte; nella precedente graduatoria erano 477. Per il 2010 abbiamo stanziato 80mila euro in più per il Fondo sociale dell'affitto, ma soprattutto contiamo di consegnare 85 alloggi ad altrettante famiglie: di questi una cinquantina sono alloggi di edilizia residenziale pubblica, mentre 30 arriveranno in seguito all'attuazione degli accordi di programma con i privati; infine, cinque saranno acquistati direttamente dal Comune per sostituire quelli ormai troppo vecchi. Ma mi preme sottolineare anche un altro aspetto: accanto agli interventi di tipo economico a favore delle famiglie, il Comune ha voluto potenziare anche i servizi e le attività di sostegno rivolti ai genitori e alla tutela dei minori in difficoltà. Perché se è vero che buona parte delle situazioni di difficoltà ha cause economiche, ci sono casi in cui il disagio ha radici più complesse e richiede forme di aiuto mirate".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di benni
    benni

    Le cifre stanziate dal COMUNE per l'affronto delle povertà e del disagio a Cesena PURTROPPO sono e saranno assolutamente insifficienti per far fronte al fenomeno crescente. Sarebbe opportuno che il Comune sostenesse con più convinzione anche tutte le realtà del privato sociale che reperiscono ed immettono risorse aggiuntive per aiutare i poveri (es colletta alimentare) Soprattutto le realtà del volontariato ed in particolare quelle non schierate partiticamente, sono sistematicamente dimenticate e non viene adeguatamente valorizzato l'impegno di singoli e gruppi per mantenere la coesione sociale senza tornaconti economici Ma se la risposta alla povertà dipenderà unicamente dalle risorse che mette il Comune purtroppo per i poveri e per quelli che stanno perdendo il lavoro sono previsti tempi bui .. è la triste realtà Quindi è meglio AIUTARE CHI AIUTA COSI' SI AUITANO PIU' PERSONE E SI TROVANO INSIEME PIU' RISORSE

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -