Cesena, il Comune mette a disposizione di Anglad un appartamento

Cesena, il Comune mette a disposizione di Anglad un appartamento

CESENA - Il Comune di Cesena ha messo a disposizione dell'Anglad (Associazione Nazionale Genitori Lotta alla Droga) un appartamento per completare il reinserimento nella società e nel mondo lavorativo dei ragazzi che, dopo un percorso in comunità terapeutica, hanno risolto in modo definitivo il problema della dipendenza da sostanze.

 

L'alloggio è stato concesso in comodato d'uso per 9 anni ed è in grado di ospitare 4/5 posti letto. Dal canto suo, l'associazione ha provveduto, con il contributo operativo ed economico dei volontari, a eseguire interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e a fornire gli arredi. Ora è tutto pronto per l'ingresso dei nuovi inquilini, e  nei giorni scorsi l'appartamento è stato inaugurato, alla presenza dell'assessore alle Politiche per il Benessere Simona Benedetti. "Si tratta di un servizio prezioso, - sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore Benedetti - perché consente di completare pienamente un percorso di recupero, di per sé impegnativo, mettendo i ragazzi nelle condizioni di cominciare a sperimentarsi in una situazione di autonomia lavorativa e di vita, dopo l'esperienza della comunità. Per questo abbiamo aderito alla richiesta dell'Anglad, destinando all'associazione un appartamento che già era utilizzato per finalità di natura sociale".

 

"Il reinserimento - spiegano all'Anglad - rimane l'ultimo scoglio da superare per il completo recupero del ragazzo; una buona percentuale di loro, dopo attente valutazioni, ritiene inopportuno far ritorno nel vecchio ambiente o nella propria famiglia, e preferisce affrontare la nuova realtà con le proprie forze, mettendo in pratica i valori acquisiti nel percorso comunitario. Per far fronte a questa esigenza, l'Anglad di Cesena, in accordo con la Comunità di San Patrignano, ha ritenuto opportuno dotarsi di una struttura abitativa da mettere a disposizione dei ragazzi, che ne fanno richiesta, per un periodo variabile da 6 mesi a 1 anno necessario al reinserimento nella società".

 

Sono i ragazzi stessi a gestire la struttura abitativa, avendo l'associazione come punto di riferimento e come supporto psicologico ed economico per superare le prime difficoltà di ambientamento. Una volta acquisita sicurezza i ragazzi lasciano la struttura associativa organizzandosi in modo autonomo, permettendo così ad altri di utilizzare i posti disponibili.

 

Per avviare questa esperienza di reinserimento, prima di ricevere l'appartamento dal Comune, per due anni i volontari dell'Anglad  si sono fatti carico dell'affitto di un piccolo appartamento in centro storico, e in questo periodo hanno utilizzato la struttura 8 ragazzi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -