Cesena, il Pd: "Moschea, la libertà di culto è scritta in Costituzione"

Cesena, il Pd: "Moschea, la libertà di culto è scritta in Costituzione"

Riconoscere la libertà di culto a tutte le confessioni religiose nessuna esclusa è una questione di civiltà. I rappresentanti della minoranza di destra e la Lega Nord sopra tutti, hanno dimostrato nella discussione in consiglio comunale di ignorare il testo e lo spirito della Costituzione repubblicana (che agli articoli 8 e 19 afferma proprio uguaglianza delle confessioni religiose davanti alla legge e libertà di culto).

 

Il nostro ordine del giorno (votato dalla maggioranza dal Pri e da Cesena 5 stelle) ha richiesto un impegno al sindaco e alla giunta affinché si provveda nei tempi più celeri e con gli strumenti urbanistici più indicati a dare una risposta alle tre diverse richieste di costruzione di luoghi di culto e alle eventuali altre che si aggiungeranno.

 

Il punto è uno, ed è chiaro. É giusto ed è doveroso che il Comune permetta a tutte le confessioni religiose, islam incluso, di realizzare a proprie spese un luogo idoneo alla pratica del culto.

A tutti, e non solo ai musulmani, sarà richiesto rispetto di tutte le regole, dai principi costituzionali, alla trasparenza dei finanziamenti, alle norme igienico-sanitarie fino all'ultima postilla urbanistica.

Questa è la via per continuare ad avere una Cesena civile, in cui sia possibile una serena convivenza tra diverse culture e tradizioni senza volere omologare nessuno o chiedere di rinunciare a niente che non sia contrario alla legge.

 

L'effettività o meno della libertà di culto non è un optional per una comunità democratica. La mia speranza è quella che non solo le forze politiche civili ma anche movimenti di cittadini, associazioni culturali, comitati per i diritti e non da ultime le autorità religiose prendano una posizione netta sulla questione.

 

La Città contrapponga a chi semina odio e paura, a chi urla sguaiatamente messaggi di inciviltà e intolleranza, una parola di coesione, di pace e di convivenza civile all'insegna del rispetto delle regole. Il silenzio sarebbe assordante di fronte a chi vuole negare un diritto costituzionale con 80 o 8mila firme. Per quanto riguarda il fronte politico di quella che è una lotta contro l'inciviltà, il Partito Democratico dice una cosa chiara. Non abbandoneremo mai Cesena alla barbarie della Lega Nord.

 

Enzo Lattuca - Segretario Comunale PD

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    @uomo qualunque il qualunquismo come forma di espressione è ben consono all'attuale regime fascio-clerico-televisivo. brava pecorella, credi obbedisci e combatti.

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Peccato che la libertà di culto non sia riconosciuta dalla costituzione dell'arabia saudita. Ah già, in quel meraviglioso paese non c'è nemmeno una costituzione. E' ora di impostare tutti i rapporti religiosi, politici, economici, sociali, sulla base della reciprocità. In arabia non esiste nemmeno una chiesetta protestante, cattolica, ortodossa, metodista, ecc. ed in Italia non deve poter esistere nemmeno un locale adattato a moschea, punto e a capo. Ma chi può pretendere di aveve all'estero quello che, per proprio fanatismo ed oscurantismo, non concede in patria agli altri? I diritti, fuori di casa propria, si devono sempre conquistare e non si ricevono per mero effetto giuridico derivante dalle costituzioni altrui, anche perchè quelle carte sono state promulgate per la tutela dei propri cittadini e non per garantire generosi omaggi a milioni di immigrati non voluti e non integrati nel tessuto del paese.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -