Cesena, il Pd: "Sulla sanità solo speculazioni. E' solo il processo di Area vasta"

Cesena, il Pd: "Sulla sanità solo speculazioni. E' solo il processo di Area vasta"

Cesena, il Pd: "Sulla sanità solo speculazioni. E' solo il processo di Area vasta"

CESENA - Sulle polemiche che imperversano sulle ipotesi di integrazione tra la sanità cesenate e quella forlivese, prova a mettere un punto fermo Daniele Zoffoli, segretario del Pd di Cesena: "Di tutte le speculazioni politiche, quelle basate su attacchi al nostro sistema sanitario locale sono le più strumentali e perdenti e creano inutili allarmismi: sostenere che il reparto di Cardiologia del Bufalini o il Pronto Intervento di Cesenatico verranno smantellati non solo è sbagliato ma può generare preoccupazioni inutili nella cittadinanza".

 

E ancora: "Se poi l'allarmismo viene dalla stessa parte politica che ha sostenuto e approvato la manovra finanziaria che proprio ai servizi sanitari creerà ulteriori difficoltà a causa dei tagli, le conseguenze ci sembrano ancora più negative e la contraddizione è palese. Il nostro sistema sanitario - nella logica di Area Vasta - sta proseguendo il percorso di miglioramento nonostante il difficile quadro economico che costringe sempre di più ad ottimizzare l'utilizzo delle risorse. Il che non significa puntare alla fusione delle ASL di Cesena e Forlì. Significa invece, partendo dal coinvolgimento di tutti gli operatori della sanità, qualificare sempre di più il servizio sanitario del nostro territorio".

 

In questo modo il segretario territoriale del Partito Democratico Daniele Zoffoli interviene sul tema della sanità locale, dopo che nei giorni scorsi si erano diffuse indiscrezioni sul futuro assetto del ospedale. "Sono del tutto convinto - sostiene Zoffoli - che anche in una fase difficile come quella attuale il nostro servizio sanitario saprà affrontare nel miglior modo possibile i bisogni e le nuove esigenze che sorgeranno. Secondo il principio della rete hub and spoke si punterà sempre di più alla creazione di centri ad alta specializzazione e strutture decentrate (a partire dalla medicina di base) che puntino prima di tutto alla prevenzione. Eppoi creare un polo altamente specializzato di cardiochirurgia non significherà mai smantellare la cardiologia di Cesena".

 

"L'attività dei centri di alta specializzazione - come sarà per la cardiochirurgia - sarà concentrata soprattutto su interventi quasi sempre pianificabili nel tempo e quindi non creerà alcun disagio l'eventuale distanza dal centro stesso". E conclude: "In linea con quanto espresso dal sindaco di Cesena Paolo Lucchi, nella sua lettera aperta del 30 luglio e con la posizione espressa in tema di sanità negli ultimi giorni dal sindaco di Cesenatico Nivardo Panzavolta, ci impegnamo - sottolinea Zoffoli - a trovare con i cittadini, le forze sociali, l'Azienda Usl, tutte le associazioni momenti di confronto seri e costruttivi che ci consentano un cambio di passo reale del nostro sistema sanitario".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -