Cesena, il sindaco Lucchi: "Negozi chiusi il 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno"

Cesena, il sindaco Lucchi: "Negozi chiusi il 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno"

Cesena, il sindaco Lucchi: "Negozi chiusi il 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno"

CESENA - Promotore delle domeniche di shopping, a volte in scontro anche con i commercianti, il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, ha messo il veto per le giornate del 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno. "A Cesena, in queste date, i negozi non saranno mai aperti". Il primo cittadino ha affermato in pubblico questo concetto, in occasione dei festeggiamenti per la Liberazione, lunedì mattina. A seguito del dibattito nazionale, la posizione di Lucchi è chiara.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessun permesso dunque per gli esercenti in queste giornate di festa nazionale, perchè "non ci piace un certo modernismo che dimentica che un paese senza i suoi valori non esiste". Poi si rivolge ai giovani spronandoli: "Abbandonate il telecomando e indignatevi (riferendosi al deputato Remigio Ceroni che ha proposto di cambiare il primo articolo della Costituzione). I valori fanno crescere un paese più del Pil".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Un negozio non è una centrale nucleare, un depuratore, un inceneritore. Non è una attività pericolosa per la salute e per la sicurezza pubblica. Ne deriva che anche solo pensare che un'autorità decida quando e come debba essere aperto mi fa star male. Come se il sindaco dicesse a un pittore come deve dipingere, o a un giornalista come scrivere. Lo stesso lessico usato in queso caso "nessun permesso" mi fa pensare al fatto che nonostante tutte le fanfare e gli stendardi, ci sia un'anima ancora autoritaria e illiberale nel nostro sistema. A prescindere da Berlusconi. Un'anima con la quale, in fin dei conti, molti sindaci di tutti i colori (bianchi, blu, rossi ma anche verdi) si trovano bene e che non esitano a fare propria.

  • Avatar anonimo di Alighiero
    Alighiero

    Mi sorge spontanea una domanda, di quale partito diventera leader il Renzi ? il PD ? e se sì, qualcuno ha mai letto nell'atto costitutivo del suddetto partito la parola "sinistra" ?

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    E a propositi di Renzi....quanto prima diverrà il vero e unico leader del centro sinistra, quanto prima ci liberemo di berlusca, degli ipocriti, degli estremisti di destra, ma sopratutto dei talebani di sinistra, che proprio grazie a loro il berlusca rischia di fare il "ventennio".

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    Come al solito gli ipocriti (vedi sopra) fanno della disinformazione la nuova arma contro le forme democratiche. Innanzitutto i commessi non lavorerebbero a gratis, ma non solo, percepirtebbero paga doppia ed in un momento difficile come quello attuale, sono certo che la maggior parte ne sarebbero molto felici, anche perchè non c'è un'imposizione, bensì una libera scelta. Poi siamo davvero stufi di questi "editti staliniani" che impongono una non democrazia, ma sopratutto che vanno controcorrente ad un mercato che ancora stenta e alle stesse esigenze dei cittadini. Poi "quelli" come sopra sono molto probabilmente dipendenti statali/comunali, che della crisi non ne hanno nemmeno sentito l'odore e che certamente preferiscono inoperare al di fuori del proprio ufficio.....in miniera vi manderei!!!!

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Completamente d'accordo con il sindaco. Che il berluschino Renzi vada lui a fare il commesso così lavora un pò a 1200 eurini al mese ancha nei giorni di festa!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -