Cesena: Ippodromo, la Coppa dell’Adriatico nella bacheca di Andrea Vitagliano

Cesena: Ippodromo, la Coppa dell’Adriatico nella bacheca di Andrea Vitagliano

Cesena: Ippodromo, la Coppa dell’Adriatico nella bacheca di Andrea Vitagliano

CESENA - Altra serata di gran pregio lungo le rive del Savio, con il trotter caro alla famiglia Grassi teatro della prima edizione della Coppa dell'Adriatico, sfida intergenerazionale che prevedeva una finale tra cinque anziani di lungo corso ed altrettanti professionali cadetti pronti a  rivaleggiare sulla distanza del miglio. Prima chiamata del venerdì by night, nel segno dei due anni e vittoria dopo ardua lotta per No Contest Bi nei confronti dell'attaccante Nocchiero Om, mentre alla seconda si è svolta la prima manche della Coppa Dell'Adriatico con gli anziani in pista per uno stringato miglio che ha visto General Roc spaziare in bello stile a media di 1.14.6 su Ilary Ur e Gladiator Lux, giunti non lontani.

 

Altri cinque posti da assegnare, questa volta ai quattro anni, capitanati in sede di antepost dal passista Lester Piggot che invece ha deluso i suoi numerosi sostenitori finendo al quinto posto piuttosto lontano dallo scatenato vincitore Lurifax e dai valletti Liuk, Leopoldo Trio e Le Grisbi, giunti in un fazzoletto a media di 1.13.6. Il tempo di comporre il rooster della finale e poi tutti a godersi la quarta, con Maiorca e Mister Superfrustino Enrico Bellei autori di un apprezzato coast to coast rifinito in 1.16 e alla quinta, altro miglio per tre anni, Merlino Grif ha bagnato il rientro agonistico con il nuovo trainer Holger Ehlert spaziando in 1.15.1 accompagnato dal solito Bellei in tolda. Giunti alla sesta, con i vecchi pirati delle piste impegnati sulla media distanza, abbiamo assistito al ritorno al successo del panzer Duke Ellington su Futuro Dei Sogni e il penalizzato Innocenzo Duke, e circa mezz'ora dopo, grande show per l'evento conclusivo della Coppa dell'Adriatico, con ancora Lester Piggott nei panni del più atteso su General Roc e la rivelazione Lurifax.

 

Corsa assai aperta al betting e grande sorpresa con Ilary Ur ed il campano ormai naturalizzato in terra di Romagna, Andrea Vitagliano, sorprendenti vincitori su General Roc e Lester Piggott, il più giocato,visto in progresso rispetto alla batteria ma pur sempre poco incisivo all'epilogo, così come il battistrada Lurifax, senza più argomenti a palo lontano dopo stucchevole melina sul percorso. Chiusura nel segno dei gentleman e vittoria di spessore per i trascurati Laccato di Già e Francesco Russo, che in 1.15.1 hanno spaziato sui coetanei, irretiti dal gran ritmo dei battistrada, con il carneade Lavarone Lod ed il suo partner Giancarlo Masetti  a precedere Lupin Grif e Michela Rossi per la medaglia d'argento.

Per gli eventi collaterali:

Degustazioni gastronomiche a cura del Comune di Castel San Pietro Terme

Giochi a premi presso il gazebo Casinò de la Vallee

Animazioni a cura dell'Associazione L'Aquilone di Iqbal

 

Nel parterre è stata allestita una zona "slow food" in onore del Comune di Castel San Pietro Terme, che da qualche anno è stato dichiarato città slow. Prodotti tipici come formaggi, salumi e miele, sono stati offerti come degustazione al pubblico presente.

Inoltre la serata di corse dedicata alla Finale della Coppa dell'Adriatico - Casinò de la Vallee, è stata allietata dai numerosi giochi a premi offerti dal casinò. Le hostess e la bellissima croupier professionista nella veste di dealer, ha svelato a tutti i presenti regole e segreti del Poker Texas Hold'em.

Appuntamento ancora con l'animazione a cura dell'Associazione L'Aquilone di Iqbal, i clown dottori hanno creato per tutta la sera sculture di palloncini colorati, trucca-bimbi e tanti giochi per i più piccoli.

Nel corso delle premiazioni della 5°, della 6° e dell'8° corsa le atlete della squadra di pallavolo Infotel, hanno premiato cavallo e driver vincitore.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -