Cesena, l'Ausl aderisce a "Vacanze coi fiocchi"

Cesena, l'Ausl aderisce a "Vacanze coi fiocchi"

CESENA - L'Azienda Usl di Cesena si mette al fianco di Tex, Giorgio Panariello e Snoopy, per convincere chi guida a dare un passaggio al buonsenso e al rispetto delle regole, rispettando la propria vita e quella degli altri. Si rinnova anche per il 2010 l'adesione alla campagna "Vacanze coi fiocchi" promossa dal Centro Antartide di Bologna, con la collaborazione dell'Osservatorio per l'Educazione Stradale e la Sicurezza della Regione Emilia-Romagna. L'iniziativa, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, vede protagonisti personaggi reali e immaginari, tra cui Piero Angela, Diabolik, Carmen Consoli, Vito, Diego Abatantuono, Gianrico Carofiglio, Margherita Hack e l'inviata di "Striscia la notizia" Cristina Gambetti, insieme alle vignette disegnate da Vauro, Gomboli, Giuliano, Bucchi, Jezek, Pillinini, Rebori, Minoggio, Mausoli, Marmotti, che con le loro battute graffianti compaiono su un libretto in distribuzione in tutta Italia.

 

L'appuntamento locale è per sabato 31 luglio, quando, a partire dalle 8.30, gli operatori del Dipartimento di Sanità Pubblica saranno impegnati al casello autostradale di Cesena Sud (Sant'Egidio) per distribuire materiale informativo. Alle ore 11,30 si uniranno a loro anche il sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l'assessore alla Mobilità Maura Miserocchi. La campagna durerà tutta l'estate, un periodo caldo non solo dal punto di vista del clima: nei mesi di luglio e di agosto, infatti, sulle strade perdono la vita più di 900 persone e 50.000 rimangono ferite. L'invito è dunque a farsi "ambasciatori di sicurezza stradale" lasciando sulla propria scia un messaggio di civiltà, a partire dall'utilizzo della cintura di sicurezza che, se venisse usata da tutti, salverebbe ogni anno più di 500 vite. Gli altri consigli per viaggi sereni sono di una semplicità estrema: rispettare i limiti di velocità, non bere alcolici o assumere medicinali che inducono sonnolenza, evitare sorpassi azzardati e l'uso del cellulare mentre si guida, usare il casco, non distrarsi, rispettare le distanze di sicurezza, viaggiare risposati e utilizzare i seggiolini per i bambini.

 

In occasione di questa iniziativa gli operatori dell'Ausl distribuiranno anche il materiale della campagna "O la cintura o la vita", sulla promozione della sicurezza dei bambini in auto. Su questo tema, punta dal 2005 il progetto "Allacciali alla vita" del Dipartimento di Sanità Pubblica e della Pediatria di Comunità dell'Azienda Usl di Cesena, con il principale obiettivo di incrementare l'uso dei seggiolini e delle cinture di sicurezza. Un bambino "allacciato" al seggiolino in auto, infatti, ha il 90% in meno di probabilità di subire lesioni gravi o mortali in un incidente automobilistico rispetto ad un bambino non adeguatamente trasportato. Il progetto, attraverso interventi di formazione rivolti a operatori e genitori, ha coinvolto in quattro anni diverse scuole tra nidi e scuole d'infanzia dei comuni di Cesena, Gambettola, Savignano, San Mauro Pascoli, Gatteo e Mercato Saraceno. Nelle scuole sono state fatte rilevazioni sull'uso dei seggiolini per auto durante l'orario di ingresso a scuola per capire le abitudini dei genitori, ripetendo l'operazione a distanza di tempo dopo gli interventi formativi eseguiti da un medico pediatra, una psicologa e un'assistente sanitaria dell'Ausl di Cesena e un rappresentante della Polizia Municipale. Il confronto tra le due rilevazioni evidenzia un incremento significativo dell'uso dei seggiolini per bambini dopo gli interventi formativi.

 

La percentuale di bambini  trasportati correttamente è infatti salita negli anni scolastici 2006-2008 negli asili nido dal 60% all'80% (con un aumento quindi del 20% del comportamento corretto) e dal 35% al 53% nelle scuole dell'infanzia (+18%). Anche i dati riferiti all'anno scolastico (2009/2010), da poco concluso, confermano il trend positivo: sui 1119 bambini osservati nelle scuole materne e nei nidi di Cesena, Cesenatico e Savignano è stato registrato un aumento del 22% nell'uso dei dispositivi di sicurezza al termine del progetto.

 

"Quando si porta il proprio figlio in macchina - afferma il dottor Salizzato, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica - occorre assicurarsi che sia ben protetto e "allacciato" al sedile. Un suggerimento utile per i genitori è quello di dare sempre il buon esempio allacciando sempre le cinture e facendole indossare a tutti gli occupanti dell'auto. Assolutamente da evitare l'affidamento del bambino nelle braccia di un adulto che, in caso di incidente, non è in grado di proteggere il bambino che viene proiettato con forza all'interno dell'abitacolo. Un ulteriore consiglio prezioso è quello di scegliere il seggiolino insieme al proprio figlio, poiché è lui che ci si deve sedere. In tragitti lunghi è bene fare soste frequenti e piccole passeggiate durante le pause del viaggio".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -