Cesena, la banda dell'acetilene colpisce in via Dismano

Cesena, la banda dell'acetilene colpisce in via Dismano

La filiale dell'Unicredit devastata dall'esplosione (foto A.Mazza-RomagnaOggi.it)

CESENA - Torna a colpire la banda dell'acetilene. I banditi hanno assaltato nella nottata tra venerdì e sabato a filiale Unicredit di via Dismano a Pievesestina, presumibilmente ipotizzando che lo sportello automatico fosse carico di contanti per far fronte ai prelievi del weekend. Quindi, con la collaudata tecnica del gas acetilene, hanno fatto saltare in aria lo sportello automatico, creando una sorta di buco tra l'interno e l'esterno dell'istituto di credito.

 

>LE IMMAGINI DELL'ASSALTO, fotoservizio di Alessandro Mazza-RomagnaOggi.it

 

La banca si presenta con una vetrina completamente divelta, il bancomat accartocciato e la sua cassa che è volata a circa dieci metri finendo dietro una scrivania degli sportelli. A far scattare l'intervento dei carabinieri è stata una segnalazione della vigilanza che, grazie alla telecamera montata all'esterno della banca, ha visto un uomo in passamontagna (con ogni probabilità il palo) appostato nel parcheggio di fronte.

 

Una volta allertati, i militari si sono recati sul posto in 4 minuti potendo contare su una pattuglia in via Ravennate. In questo brevissimo lasso di tempo i banditi hanno coperto con un sacco della spazzatura la telecamera, provocato l'esplosione per poi dileguarsi. All'arrivo della volante c'era ancora il fumo. Ancora l'ammontare del bottino. Secondo i primi accertamenti della direttrice della filiale in cassa c'erano 70mila euro in tagli da 20 e 50; molti di essi erano sparsi per terra tra le macerie. 

 

Un residente ricorda come già due anni fa c'era stato un simile assalto. Ancora all'Unicredit e non alla cassa Postamat proprio lì accanto. La vicenda si colora di un risvolto misterioso legato ad una "Fiat Uno Fire" scura parcheggiata proprio davanti all'Unicredit e che è intestata ad una signora residente nel condominio di sopra. E' stata ritrovata con le spie del cruscotto accese, senza chiavi all'interno e con la portiera sinistra aperta ma non è dato sapere se la serratura era stata forzata.

 

Nella parte posteriore ha il segno evidente di un impatto con un oggetto a forma di cuspide  che si presume possa essere una colonnina di quelle alte circa mezzo metro che impediscono l'accesso alle auto in certe vie e che sono presenti anche davanti alla banca. A detta di un parente della proprietaria dell'auto è "impossibile che sia stata parcheggiata lì dalla madre prima di tutto perchè la manovra è stata fatta in retromarcia e poi perchè l'auto occupa due parcheggi".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Mazza


Cesena, la banda dell'acetilene colpisce in via Dismano

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -