Cesena, la camorra dietro le corse clandestine: sequestrato un cavallo

Cesena, la camorra dietro le corse clandestine: sequestrato un cavallo

Cesena, la camorra dietro le corse clandestine: sequestrato un cavallo

CESENA - I Carabinieri del Nucleo Antifrodi di Parma hanno sequestrato all'ippodromo di Cesena un cavallo poiché impiegato in competizioni clandestini. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno portato alla denuncia di dodici persone, alcune delle quali affiliate ad un clan camorristico, responsabili di avere organizzato corse clandestine di cavalli, che peraltro sono risultati dopati, per alterarne le prestazioni.

 

Oltre a quello di Cesena, sono stati sequestrati altri sei cavalli. Le indagini hanno appurato che il cavallo sequestrato a Cesena era stato usato per gare clandestine ed hanno consentito di individuare ramificazioni dell'organizzazione criminale anche in Emilia Romagna. L'operazione, che ha visto la partecipazione di oltre 50 militari del Comando Carabinieri Politiche Agricole, dei Comandi Provinciali Carabinieri di Caserta, Napoli e Salerno, è scaturita da un primo intervento svolto da militari della stazione di San Prisco (Casetta), che lo scorso 23 gennaio, che avevano individuato una corsa clandestina di cavalli nel centro abitato di Casapulla.  

 

Le successive indagini e gli approfondimenti tecnici del Nucleo Antifrodi di Salerno, delegati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno permesso di avvalorare le ipotesi accusatorie contro i responsabili, alcuni dei quali affiliati a un clan camorristico di Caserta, e di procedere al sequestro di sette cavalli, identificati mediante microchips. Gli animali sono stati presi in cura da militari del Reggimento Carabinieri a Cavallo e saranno trasferiti presso idonei centri a disposizione dell'autorità giudiziaria.  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -