Cesena, la proposta contro lo smog: spostare il blocco da giovedì a domenica

Cesena, la proposta contro lo smog: spostare il blocco da giovedì a domenica

Cesena, la proposta contro lo smog: spostare il blocco da giovedì a domenica

E se invece del giovedì si scegliesse la domenica per il blocco del traffico previsto fra le misure dell'accordo regionale per migliorare la qualità dell'aria? E' la proposta sostenuta  dal Comune di Cesena, insieme a quelli di Modena, Forlì e Ravenna, nel corso del primo incontro fra Regione, Province e Comuni con più di 50mila abitanti, svoltosi nei giorni scorsi per definire i contenuti del programma 2010-2011. Un'ipotesi su cui si era già appuntata l'attenzione dell'Amministrazione Comunale di Cesena. 

 

Nell'autunno scorso il Sindaco Lucchi si era impegnato con Confcommercio e Confesercenti a portare avanti l'idea in Regione, e la posizione si era rafforzata dopo il blocco del traffico sperimentato domenica 28 febbraio su proposta dei sindaci di Torino e di Milano alla luce degli allarmanti dati relativi all'inquinamento nell'intera area padana.

 

"Vari gli aspetti - rimarcano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore alle Politiche Ambientali Lia Montalti - che a nostro parere possono rendere più efficace questa scelta. Al di là del minore impatto sulle attività, infatti, l'opzione della giornata festiva consentirebbe di accompagnare il blocco con iniziative di animazione e sensibilizzazione sul tema della qualità dell'aria, coinvolgendo maggiormente i cittadini e rendendoli più consapevoli delle motivazioni che rendono necessario il provvedimento. Dobbiamo puntare ad affermare un modo diverso, più rispettoso dell'ambiente, di muoversi e di vivere la città e, soprattutto, di lanciare un segnale per fare sì che si affronti seriamente il problema della qualità dell'aria, senza aspettare le situazioni di emergenza".

 

Ma il blocco settimanale del traffico, da solo, non basta. Ecco perché, accanto a questa proposta, nella riunione in Regione l'assessore Montalti ha posto l'accento su altre due questioni. Da un lato, ha sollecitato l'inserimento di maggiori risorse per incentivare gli interventi di efficientamento energetico nell'edilizia privata e nelle imprese, andando ad inserire voci nuove nel programma per la qualità dell'aria. E visto che i tagli del Governo hanno ridotto gli strumenti a disposizione per favorire gli interventi di efficientamento per i privati (da fine anno non ci sarà più il 55% di incentivo fiscale per interventi su caldaie, infissi, capotti termici etc.), è stato chiesto alla Regione di sostenere quegli enti locali che sono impegnati nello sviluppo di politiche per il risparmio energetico.

 

Infine, l'assessore Montalti ha invitato a confermare anche nel piano 2010-2011 i finanziamenti alla mobilità sostenibile, consentendo così di ripetere ed estendere l'esperienza positiva del progetto partecipato casa-scuola sicuri, grazie al quale il Comune di Cesena è riuscito, con risorse limitate, a coinvolgere un centinaia di ragazzi e famiglie in attività di sensibilizzazione sulla mobilità ciclo-pedonale.

 

Ora non resta che attendere la bozza di accordo, che sarà pronta all'inizio di settembre, per arrivare a firma entro inizio ottobre.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -